Piacenza Food Weeks, un mese di incontri nel segno dell’enogastronomia

L’enogastronomia è un autentico valore aggiunto del territorio piacentino, come dimostrano i sempre più numerosi eventi a tema organizzati sia in città che in provincia.

Eventi, però, spesso scollegati tra loro, non sempre conosciuti non soltanto dal pubblico piacentino, ma anche da quello proveniente da oltre i confini provinciali. Ed è proprio in quest’ottica che nasce Piacenza Food Weeks, un vero e proprio contenitore di eventi nel segno dell’enogastronomia, delle eccellenze agricole del territorio ma anche della cultura.

Un contenitore ideato da Piacenza Expo e sviluppato con la collaborazione dell’Assessorato al Commercio del Comune di Piacenza e con il supporto di Unione Commercianti e Confesercenti. “Piacenza Expo – ha sottolineato l’Amministratore unico Giuseppe Cavalli, in occasione della conferenza stampa di presentazione di Piacenza Food Weeks – non si occupa soltanto di fiere e di mostre, ma anche di promozione territoriale. Abbiamo avuto l’idea ed abbiamo “fatto sistema” per svilupparla. Questa prima edizione è davvero molto ricca e mi auguro che sia l’inizio di un cammino che proseguirà anche nei prossimi anni”.

A segnare l’inizio e la fine delle settimane piacentine del cibo, da fine ottobre a fine novembre, saranno due fiere in programma a Piacenza Expo: Emilia.Eat, mercato del tipico emiliano, con il patrocinio di Destinazione Turistica Emilia, prevista il 26 e 27 ottobre, il Mercato dei vini dei Vignaioli Indipendenti dal 23 al 25 novembre. In mezzo, tanti altri appuntamenti dedicati alla cucina piacentina, ai salumi Dop, ai vini Doc dei Colli Piacentini, all’arte e alla cultura.

“Emilia.Eat e il Mercato dei vini – ha commentato l’Assessore al Commercio, Stefano Cavalli – meritano di essere vissuti non solo dai visitatori di Piacenza Expo, ma anche da tutta la città. Per questo abbiamo ideato una sorta di “fuori salone” inserendo in calendario tanti altri eventi che si svolgeranno in varie location piacentine. Siamo partiti da un patrimonio di Piacenza Expo a cui abbiamo aggiunto iniziative già programmate dal Comune, come la presentazione della Guida Michelin e l’Estate di San Martino, o dalle Associazioni di categoria. Il lavoro non è stato semplice, ma credo che il risultato sia davvero ottimo”.

“Abbiamo posato una lente d’ingrandimento sui tanti eventi di cultura enogastronomica del nostro territorio – ha aggiunto il Direttore di Piacenza Expo, Sergio Copelli – allargando il raggio d’azione ad iniziative culturali e artistiche, come la mostra “Gioielli in fermento” che andrà in scena a Palazzo Farnese. Ulteriore valore aggiunto di questo calendario sono i “Mercoledì di coppa”, quattro appuntamenti con gli undici ristoranti della città aderenti all’iniziativa che proporranno menu tipici attingendo dall’elenco ufficiale dei Prodotti tradizionali piacentini depositato in Regione. Ogni partecipante a queste cene riceverà un biglietto omaggio per il Mercato dei vini Fivi ed un biglietto ridotto per visitare i Musei di Palazzo Farnese ed il Museo della Cattedrale”.

Presenti alla conferenza stampa anche il Presidente di Confesercenti Piacenza, Nicolò Maserati, e il Vicedirettore di Unione Commercianti, Gianluca Barbieri, che hanno sottolineato “l’ottimo gioco di squadra messo in campo per questa iniziativa. Ci siamo spesi soprattutto per i “Mercoledì di coppa”, un evento che ha riscosso interesse ed entusiasmo tra i nostri ristoratori e che sicuramente sarà molto gradito dai piacentini e dai turisti che visiteranno in questo periodo la nostra città”.

Il calendario completo di Piacenza Food Weeks sarà presto on line, con tutti gli aggiornamenti, sul sito www.piacenza.events, sul sito del Comune e delle due associazioni di categoria.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.