Auto usate: l’importanza della valutazione

Più informazioni su

Avete deciso di vendere la vostra auto usata e non sapete quale sia la sua reale valutazione? Nessun problema, grazie a questi semplici consigli potrete conoscere la valutazione della vostra auto usata, oppure dell’auto usata che vorreste comprare.

Grazie al web è possibile ricevere una valutazione auto gratuita da parte di professionisti che vi possono schiarire le idee circa i vostri dubbi. In ogni caso nella valutazione di un’auto incidono diversi fattori.

In primis il numero di chilometri percorsi. È per questo che spesso chi vuole fare il furbo cerca di «metterci mano» al tachimetro per far risultare un numero di chilometri inferiore a quelli realmente percorsi e, così, cercare di alzare il prezzo dell’auto.

Di norma si consiglia di scontare lo 0,3% del valore standard dell’auto per ogni 1.000 chilometri in più rispetto alla normale quotazione di mercato. Ma in verità, un contachilometri è facilmente «taroccabile» grazie a particolari software. Quindi per avere un’idea approssimativa occorrerà osservare altri elementi da cui si può dedurre la vera usura della macchina. Ad esempio, se la pedaliera o i sedili risultano consumati un chilometraggio troppo basso risulterebbe incompatibile: significa che c’è il trucco e che è meglio rivolgersi altrove.

Ovviamente molto importante è la parte meccanica. Certo, non tutti potrebbero essere in grado di fare una giusta stima delle condizioni del veicolo. Per questo può essere fondamentale essere accompagnati da un esperto, ad esempio da un meccanico professionista che sia in grado di valutare l’auto usata dando un’occhiata a ciò che si nasconde sotto il cofano. Il consiglio è di provare l’auto e farla guidare al meccanico di fiducia per avere un parere sulle prestazioni della macchina. È l’occasione giusta anche per verificare che non ci siano dei rumori strani che facciano pensare ad un difetto nascosto. Ma anche per controllare i fumi: se sono di colore azzurro, significa che il motore brucia troppo olio, mentre se sono di colore nero vuol dire che iniettore e filtri hanno bisogno di una bella pulita. Occhio anche allo stato degli pneumatici. Occorre, in particolare, controllare l’usura e la profondità del battistrada.

L’ideale è parcheggiare la macchina in un luogo pianeggiante e uniforme. Girando le ruote di 45° verso destra o verso sinistra, sarà possibile verificare l’usura e la profondità del battistrada utilizzando un calibro di profondità, reperibile in qualsiasi negozio specializzato. In Italia il limite legale di profondità residua è di 1,6 millimetri su tre quarti del battistrada e per tutta la circonferenza. Conviene fare questa verifica in più punti della gomma. Se il livello di usura è arrivato all’apposito indicatore segnalato sul canale principale del pneumatico significa che si è raggiunto il limite legale e che, pertanto, bisogna cambiare le gomme.

Nel valutare un’auto usata, la carrozzeria è, probabilmente, la prima cosa che salta all’occhio. Al di là del colore della macchina (che non sia sbiadito dal tempo o dall’incuria), si guarda subito se ci sono delle ammaccature oppure dei punti di ruggine qua e là. Ma non basta per verificare se la carrozzeria è in buono stato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.