Le Rubriche di PiacenzaSera.it - UniCatt

Agrisystem, al via la 14^ edizione: 26 i futuri manager dell’agroalimentare europeo

Più informazioni su

Parte ufficialmente con il welcome day di lunedì 18 novembre, il nuovo ciclo del Dottorato per il sistema agroalimentare – Agrisystem: sono 26 i giovani che hanno appena intrapreso all’Università Cattolica di Piacenza il percorso di formazione e ricerca che li condurrà, al termine di tre anni di intenso lavoro, a conseguire il titolo di dottore di ricerca, il terzo e più alto livello della formazione universitaria in Italia e nel resto del mondo.

Il 23% dei neo-dottorandi proviene da università estere, il 15% da altre università italiane e il 62% prosegue il percorso iniziato in Università Cattolica. Il Dottorato è riconosciuto dall’ANVUR (Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca) con la caratteristica di Dottorato Innovativo interdisciplinare.

Lunedì, alle 15.30 presso la Sala Piana dell’Università Cattolica, si terrà il momento ufficiale di avvio delle lezioni. Dopo il benvenuto del Coordinatore della Scuola nonché preside della facoltà di Scienze agrarie alimentari e ambientali della Cattolica prof. Marco Trevisan e della prof. Anna Maria Fellegara, preside della facoltà di Economia e Giurisprudenza, interverrà Franco Biasioli, Dipartimento di Food Quality and Nutrition dell’Edmund Mach Foundation di San Michele all’Adige.

Numerose le borse di studio messe a disposizione da: Università Cattolica, Commissione Europea, Fondazione Eugenio e Germana Parizzi, Miur, Pioneer, Regione Emilia Romagna, Terre d’Oltrepò che, interessate a sviluppare progetti specifici con il contributo degli studenti di Agrisystem, sosterranno i giovani che frequenteranno il dottorato. Un percorso, quello proposto da Agrisystem, che forma professionalità dotate di competenze multidisciplinari, in grado di leggere e governare i processi d’innovazione da una prospettiva sempre più internazionale e di offrire un contributo essenziale alle aziende del settore agroalimentare chiamate a coniugare il necessario radicamento territoriale con la capacità di competere in un mercato sempre più globalizzato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.