Quantcast

Al Gutturnio Superiore di Cantine Romagnoli l’Oscar del vino targato Gambero Rosso

Piacenza sale sul gradino più alto del podio enologico di tutta l’Emilia Romagna conquistando l’ambito Oscar 2020 per il miglior vino “Qualità Prezzo Regionale” secondo l’autorevole Critica del Gambero Rosso.

A portare in alto l’enologia piacentina è la Cantine Romagnoli con il Gutturnio Superiore del Cicotto, vendemmia 2017, che sulla celebre guida “BereBene” frmata Gambero Rosso, presentata nel week end a Roma, si fregerà dell’esclusivo riconoscimento per il territorio dell’Emilia Romagna.

L’Enologo Alessandro Perini, Direttore della Cantine Romagnoli, commenta: “Ciò che rende ancora più signifcativo questo Premio è il fatto che sia stato conferito ad un vino tipico del territorio e capostipite dei vini piacentini. Il lavoro fatto in vigna, la selezione delle uve, ma soprattutto la grande passione che anima tutte le persone che lavorano nella nostra Cantina dalla vigna alle spedizioni, è l’artefce e protagonista di questo nuovo passionale vento del vino che stiamo respirando alla Romagnoli, una delle più antiche case del vino piacentino, ma che in questi ultimi anni ha intrapreso un nuovo percorso selettivo molto impegnativo, ma anche esaltante per le numerose sfde che il team ha deciso di affrontare”.

Un premio quello del Gambero Rosso al quale si aggiungono altri importanti traguardi raggiunti quest’anno dalla Romagnoli con i suoi gioielli: il Passito 2017 è un “Grande Vino” per Slow Wine, il Pigro Dosaggio Zero 2016 ottiene 95/100 punti e il “faccino” da Doctor Wine, e si aggiudica anche l’Oro al “The Italian Wine Competition” della prestigiosa rivista tecnica Civiltà del bere. Della linea Colto Vitato, di cui fa parte il Gutturnio Superiore, si è aggiudicato un premio anche l’Emilia Bianco Igt della Filanda chiamato sul palco dei “Top Hundred” di Golosaria da Marco Gatti e Paolo Massobrio.  Eccellente risultato anche per il Pigro Dosaggio Zero che conferma i due Bicchieri Rossi.

Un’ascesa imperiosa quindi, quella della Cantina piacentina che sta facendo breccia nel cuore della Critica enologica, portando “l’Emilia del vino” oltre i confni regionali, ma anche tra i consumatori ottenendo un importante +12% nel 2019 per quanto riguarda le bottiglie vendute.

Dal colore rosso rubino intenso, il Gutturnio Superiore, prodotto in 5.100 bottiglie, è composto da uve 55% Barbera e 45% Croatina, matura per due anni in botti grandi di rovere italiano prima di uscire sul mercato, ha un sapore consistente e ricco di frutta, la cui potenza alcolica si fonde nel fnale di legno e liquirizia, all’olfatto si presenta fresco, maturo e al tempo stesso con una fusione di frutta e cuoio. Il prezzo di vendita dal vino al pubblico consigliato dall’azienda è di 12 euro. (nota stampa)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.