Le Rubriche di PiacenzaSera.it - Cooperazione

I 70 anni di Confcoop Piacenza “Dove c’è un bisogno, c’è una risposta cooperativa” foto

“Felicittà, la città che stiamo costruendo”: ovvero la relazione fra la felicità ed il contesto urbano. Questo il claim che Confcooperative Piacenza ha scelto per celebrare il proprio 70° dalla fondazione, consapevole “che il futuro va progettato e costruito avendo ben chiaro che al centro di tutto c’è l’uomo, la sua realizzazione e, perché no, la sua felicità”.

Nel pomeriggio di giovedì a Palazzo Galli cooperatori, autorità e personalità del mondo accademico e produttivo ad indagare le responsabilità di ognuno nella costruzione di un sistema sociale più equo e un contesto di vita e di sviluppo inclusivo e attento alle esigenze dell’uomo: dalla disamina del percorso storico dell’associazione dal 1949 fino ai nostri giorni, illustrato dalla ricercatrice Daniela Morsia, all’intervento dal titolo “il motore della fiducia” dell’economista e divulgatore scientifico Luciano Canova, al tema del benessere economico e del ruolo del ruolo della cooperazione affrontato dal presidente nazionale di Confcooperative Maurizio Gardini. A Piacenza per l’occasione anche il Ministro alle infrastrutture e ai trasporti Paola De Micheli.

“Vogliamo ricordare due capisaldi, la dottrina sociale della Chiesa e la Costituzione Repubblicana, – ha sottolineato Daniel Negri, presidente di Confcooperative Piacenza, che ha tracciato il quadro della situazione locale – ricordando da dove si è partiti, dall’attivismo di alcuni sacerdoti illuminati che hanno dato vita alle prime comunità di mutuo soccorso, alle prime banche cattoliche per combattere l’usura, alle prime casse rurali, per arrivare ad oggi con un percorso che ha portato nascita delle prime cooperative sociali fino a soggetti innovativi, come ad esempio le cooperative di comunità per occuparsi della montagna”.

“Vogliamo anche sottolineare il concetto di circolarità, dove c’è un bisogno c’è una risposta cooperativa, 70 anni fa come oggi. La circolarità è un aspetto molto presente nella cooperazione, legato al bisogno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.