Il casellante di Autostrade diventa attore per la guida sicura

Dopo il casting tra 100 colleghi, la selezione li ha proiettati nel mondo del web e dei social: sono i tre casellanti protagonisti di altrettanti mini-film prodotti dalla società Autostrade per l’Italia assieme alla Polizia di Stato per la loro nuova campagna sulla sicurezza alla guida, in vista degli spostamenti delle festività ormai prossime. Gli studios? Né a Hollywood né a Cinecittà ma al casello di Vergiate (in provincia di Varese), autostrada A8.

Al fianco di questi “attori per caso” c’è un professionista vero, Alessandro Federico, affiancato da Vicky Piria, l’unica pilota italiana che corre nella “W Series”, la “Formula 1” dedicata alle donne: la nota influencer è da tempo impegnata su Instagram per promuovere la filosofia della guida corretta e della massima attenzione al volante. L’uso del telefonino in auto, la guida in stato di ebbrezza o sotto effetto di stupefacenti, il mancato uso delle cinture e del seggiolino per bambini sono i principali fattori di rischio che vengono raccontati con un linguaggio ispirato alla sit-com, tutto giocato sul filo dell’ironia.

Nei video di Autostrade e Polizia di Stato compare ad esempio il guidatore alticcio che viene redarguito dal casellante e poi si accorge di avere in auto un perfetto sconosciuto; oppure c’è l’appassionato di selfie che durante un dialogo surreale con l’esattore scopre che la sua passione non solo è pericolosa mentre guida, ma provocherà un tremendo litigio con la fidanzata. Infine la terza pillola video è dedicata a una famiglia abituata a viaggiare senza cinture e senza usare i seggiolini per i bimbi.

L’uso del telefonino e il mancato uso delle cinture sono le due infrazioni più comuni per gli automobilisti e costituiscono, assieme all’utilizzo di alcool e droghe, le principali cause di incidentalità. Per fortuna gli incidenti stradali con lesioni a persone hanno registrato un calo nel corso dell’ultimo anno: -1,4% di incidenti con vittime e -1,6% di incidenti con feriti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.