La Finanza sequestra in centro capi d’abbigliamento e profumi contraffatti

Più informazioni su

La Guardia di Finanza di Piacenza sequestra articoli di profumeria e capi d’abbigliamento contraffatti.

Il risultato è stato conseguito nei giorni scorsi dalle Fiamme Gialle – spiega una nota del comando provinciale – a seguito di alcuni servizi mirati per il contrasto e la repressione dei reati in materia di marchi contraffatti e tutela del “made in italy” ed alla lotta agli illeciti in materia di commercio di prodotti potenzialmente pericolosi per la salute. I finanzieri del gruppo di Piacenza, in due distinte operazioni, a seguito di una preliminare attività investigativa costituita anche da appostamenti ed acquisizione di informazioni, hanno sequestrato diversi capi d’abbigliamento, articoli di profumeria ed orologi ed hanno denunciato due persone all’autorità giudiziaria.

In un caso il sequestro ha riguardato una cinquantina di capi, tra cui borse, occhiali, cinture, giubbotti e scarpe, recanti i famosi loghi: “Napapijri”, “Gucci”, “Colmar”, “Michael Kors”, “Nike”, “Fila”, “Prada”, “Chanel”, “Saucony”, “Armani”, “Louis Vuitton”. Si tratta di merce esposta per la vendita in una via del centro di Piacenza da un improvvisato venditore ambulante. L’uomo, senza fissa dimora e privo di qualsiasi documento di riconoscimento, è stato accompagnato in questura per l’identificazione. I successivi accertamenti hanno permesso di rilevarne l’irregolare presenza sul territorio nazionale, in quanto già destinatario del diniego per il rinnovo del permesso di soggiorno, e la condanna per analoghi reati. Al termine delle verifiche di rito, il questore ha emesso, nei confronti dell’ambulante, l’ordine di lasciare il territorio dello stato entro sette giorni. Lo straniero è stato poi denunciato per i reati di commercio di prodotti con segni falsi e ricettazione.

Nella seconda operazione l’attenzione dei militari è stata rivolta ad un cittadino italiano che tra i banchi del mercato cittadino deteneva profumi e fragranze, riportanti, in parte marchi similari a quelli di note aziende del settore, ed in parte marchi delle case “Dior”, “Dolce e Gabbana”, “Chanel”, “Acqua di Gio’” di Giorgio Armani”, “Le vie est belle” riprodotti in maniera contraffatta, tutti assolutamente privi di indicazioni circa i componenti degli stessi e dunque potenzialmente dannosi per la salute. Lo stesso deteneva anche alcuni orologi, ritenuti di dubbia provenienza, privi di documentazione comprovante l’acquisto. Tutti i prodotti sono stati sottoposti a sequestro. Per questo l’uomo è stato segnalato all’autorità giudiziaria per i reati di contraffazione e ricettazione e segnalato al sindaco del Comune di Piacenza perché intento alla vendita in forma ambulante senza il dovuto titolo autorizzatorio.

“L’attività di servizio delle Fiamme Gialle – sottolineano dal comando provinciale – testimonia il costante impegno profuso dalle fiamme gialle in attività di prevenzione e repressione della contraffazione, quale moltiplicatore d’illegalità, e alla tutela di chi opera quotidianamente nel rispetto delle leggi e della leale concorrenza”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.