Lella Costa a Cadeo racconta Edith Stein

Più informazioni su

Tempo di dialogo e cultura a Cadeo con “Utopia”, la rassegna culturale realizzata dalla Parrocchia di Roveleto in collaborazione con il Comune di Cadeo, che ha concesso il patrocinio all’iniziativa.

Giovedì 7 novembre alle ore 21 sul palco del Teatro del Centro Parrocchiale salirà Lella Costa, attrice e doppiatrice milanese, scrittrice e presenza attiva nel mondo dell’associazionismo e nelle battaglie a difesa dei diritti civili. L’attrice converserà con il pubblico su “Ciò che possiamo fare” la sua ultima pubblicazione dedicata a Edith Stein, in cui emerge la forza e la modernità di una donna, monaca e martire, che si batte per le donne, per la fede e contro le discriminazioni.

Quello del 7 novembre con Lella Costa è uno dei sette appuntamenti aperti al pubblico con personaggi noti nel panorama artistico e culturale del nostro Paese, tra i quali, l’ex- magistrato Gherardo Colombo, il giornalista e uomo di teatro Federico Buffa e l’imprenditore Oscar Farinetti.

“Investire sulla cultura per tanti pare sempre uno spreco, un sottrarre fondi ai bisogni della comunità, soprattutto in un tempo di crisi e stallo economico come il nostro – spiega Marco Bricconi, primo cittadino di Cadeo -. Ma promuovere la cultura equivale a promuovere la crescita, lo sviluppo e la ricerca di nuovo strumenti concreti per un mondo migliore. Per questo abbiamo detto sì al progetto culturale “.

“I relatori che saranno qui con noi sono una presenza eccezionale per il nostro territorio – aggiunge il vicesindaco Marica Toma-. Personaggi di questo calibro te li aspetteresti in un teatro di una grande città, non in un piccolo Comune di 6mila abitanti. A maggior ragione sono un’opportunità per noi, per aprirci a temi che vadano oltre la territorialità e soprattutto per abituarci a dialogare, per trovare strade comuni che racchiudano e valorizzino le diversità di pensiero”.

A presentare la serata del 7 novembre, le parole di don Umberto Ciullo, parroco di Roveleto: “La partecipazione di Lella Costa è un dono prezioso per noi, proprio come il suo libro che ritrae in modo rispettoso Edith Stein come donna studiosa che ha affermato la sua femminilità non attraverso i classici canali della provocazione bensì attraverso la cura e l’intelligenza”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.