L’Infinito di Leopardi in dialetto, ultimi giorni per partecipare all’iniziativa della Banca di Piacenza

Più informazioni su

C’è tempo fino al 30 di novembre per inviare alla Banca di Piacenza (relaz.esterne@bancadipiacenza.it) la versione dell’Infinito di Leopardi in dialetto piacentino.

Negli ultimi mesi, la poesia diventata simbolo della letteratura italiana (a 200 anni dalla sua creazione, si è tenuta a Palazzo Galli un’interessante conferenza con l’intervento dei professori della Cattolica Pierantonio Frare e Roberto Diodato e dell’avv. Salvatore Dattilo) è stata tradotta in diversi dialetti. Chi volesse cimentarsi in questo esercizio – e in diversi lo hanno già fatto – ha ancora una decina di giorni di tempo per inviare il testo dell’Infinito in piasintein.

La miglior traduzione – scelta da una Commissione di esperti – sarà pubblicata su Bancaflash e premiata con un particolare riconoscimento.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.