“SITYn”, finanziato dalla Regione il progetto dell’Associazione Genitori Piacenza4

Finanziato dalla Regione Emilia Romagna il progetto “SITYn” promosso dall’Associazione Genitori Piacenza4

Nei prossimi sei mesi la comunità piacentina sarà coinvolta in una nuova opportunità partecipativa: il progetto “SITYn – Sit in & city | So-stare attivamente in città”, promosso dall’Associazione Genitori Piacenza4, ha da pochi giorni avuto conferma dell’ottenimento del finanziamento erogato dalla Regione Emilia Romagna nell’ambito della l.r. 15/18 “sulla Partecipazione all’elaborazione delle politiche pubbliche”.

Su 77 progetti presentati, sono 38 quelli finanziati e il progetto piacentino si colloca al 5° posto nella graduatoria generale, primo tra quelli candidati da soggetti diversi dall’Ente pubblico, e l’unico promosso da un’associazione di genitori. Diversi i partner di progetto, che sottoscrivendo una manifestazione di interesse, hanno dichiarato la propria disponibilità a collaborare allo sviluppo del progetto: oltre al Comune di Piacenza, anche Associazione Le valigie APS, Associazione Praxis APS, Energetica APS, Gruppo Scout PC4, Iren Piacenza, Legambiente Piacenza circolo Emilio Politi APS, Nuovi Viaggiatori APS, Orizzonte degli Eventi APS, Parrocchia San Lazzaro e San Vincenzo de’ Paoli Piacenza, SVEP Piacenza, Velolento Ciclofficina ciclo e riciclo. Al contributo regionale (15.000 euro) si aggiunge inoltre il contributo dell’Associazione Oratori Piacentini (15.000 euro), partner co-finanziatori di progetto.

Come la maggior parte dei progetti finanziati, anche SITYn ha scelto come oggetto proposto dal bando quello relativo alla policy “Resilienza del territorio, qualità dell’ambiente”: dai primi di dicembre ai primi di giugno la comunità piacentina sarà dunque coinvolta in una riflessione progettuale sul come vivere, fruire e qualificare in modo attivo i propri beni comuni urbani. Si partirà dalla conoscenza degli spazi di aggregazione (già praticati o potenziali, soprattutto aree verdi e giardini) ai quali correlare aspirazioni comuni: una presenza in loco che da semplice “sostare” (sit) diventa impegno attivo (sit in), evolve poi in un “so stare” inteso come il sapersi porre del singolo in una relazione collettiva e creativa con un’area pubblica, per giungere infine ad attivare abitudini collaborative di comunità, accolte in uno spazio che si fa luogo (city) e di cui prendersi cura in modo gener-attivo.

Nel Comune di Piacenza sono già state sviluppate diverse iniziative di partecipazione e cittadinanza attiva (la sezione PiacenzaPartecipa del sito istituzionale ne offre una panoramica esemplificativa), e da ormai sette anni l’Amministrazione si è dotata di un Regolamento della partecipazione (approvato con DCC n. 23 del 16/09/2013). Nello specifico, l’articolo 26 del regolamento è dedicato agli strumenti di partecipazione e cittadinanza attiva per “Promuove la convivenza civile, la cura e il controllo dei beni comuni, la coesione sociale e la partecipazione alle politiche pubbliche”. Il progetto SITYn si inserisce in questa cornice, amministrativa e normativa, attuando l’art. 26 con una sperimentazione che, seppur puntuale, vuole incoraggiare, con modalità più orizzontali e reticolari, il protagonismo dei cittadini. Il modello collaborativo SITYn che si andrà a definire può proporsi come esempio per coniugare ascolto/azione/attenzione alla cosa pubblica da parte di cittadini in comunanza attiva tra loro.

Sul finanziamento è intervenuta anche l’Amministrazione Comunale, a nome dell’Assessore alla Partecipazione Luca Zandonella: “Abbiamo creduto nel progetto fin dall’inizio, approvando poi apposita delibera di giunta comunale di appoggio all’iniziativa. Siamo contenti che per il secondo anno di fila i progetti che propone la città di Piacenza siano premiati con il massimo delle risorse possibili, a dimostrazione della serietà delle proposte. Ringraziamo l’Associazione Genitori Piacenza4 per essersi resa promotrice del progetto: per noi è solo l’inizia di una collaborazione a lungo termine”. (nota stampa)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.