Contest, proiezioni e letture: la rassegna “Incontri” fa tappa a Palazzo Ghizzoni

Dopo la bellissima serata di martedì 3 dicembre in Passerini Landi (nella foto), insieme a due campioni dello sport come Francesco Messori, fondatore nel 2012 della Nazionale Calcio Amputati, e Daniele Cacia, attaccante del Piacenza Calcio, sabato pomeriggio arriva il secondo appuntamento con il festival “Incontri. Lettura, scrittura e fragilità”, ideato da Asp Città di Piacenza in collaborazione con Officine Gutenberg e con il supporto dell’AssociazioneWilliam Bottigelli Onlus e della FondazionePia Pozzoli “Dopo di noi” Onlus.

La location stavolta sarà quella della serra di Palazzo Ghizzoni Nasalli, dove a partire dalle 16 prenderà vita un pomeriggio ricco di momenti diversi che culmineranno con la proiezione del mediometraggio “Zigulì”. Il primo a prendere parola, e ad aprire il pomeriggio, sarà Girolamo Lacquaniti con il suo  “Storia di Angela”, un testo tratto dal suo libro “Te lo giuro”. Lacquaniti presenterà poi il contest di scrittura che porta il titolo di “Incontri ravvicinati di un diverso tipo”. Un concorso aperto a tutti, in cui si chiederà a provetti scrittori di dare vita ad un racconto, lungo al massimo 10mila battute, basato sui temi del festival stesso.

Spazio quindi a due esperienze in cui si sono mischiate scrittura e fragilità. Si comincia alle 16.30, quando verrà presentato il libro “Foto da romanzi”, presentato da Gianfranco Caramella a nome dell’Associazione Fa.Di.Vi e Oltre di Genova: qui i protagonisti di un laboratorio a metà tra fotografia e scrittura sono stati gli abitanti di una realtà residenziale con disabilità complesse. Poi un’altra bella storia che arriva da “Il seme” di Biassono. Simona Foletti porterà con sé l’esperienza del concorso regionale di poesia “Le parole per dirlo”. Dopo una breve pausa, alle 17.15 sarà proiettato il mediometraggio di Francesco Lagi dal titolo “Zigulì”, che racconta il rapporto, denso di esperienze e non facile, tra un padre e il figlio disabile. A seguire toccherà a Massimiliano Verga, l’autore del libro da cui Lagi ha preso spunto, e a Matteo Schianchi, docente di Didattica e pedagogia speciale all’Università Bicocca di Milano, che si confronteranno sul tema “Lettura e fragilità”.

IL FESTIVALL’idea di dare vita a “Incontri. Lettura, scrittura e fragilità” è nata da Asp Città di Piacenza nell’ambito delle attività di sensibilizzazione sul tema della disabilità affidate dal Comune di Piacenza. La realizzazione concreta è stata affidata a Officine Gutenberg. Si è percorsa la strada della collaborazione con tutte le realtà che si occupano di handicap a Piacenza e particolarmente significativo è risultato l’apporto dell’Associazione William Bottigelli Onlus e della Fondazione Pia Pozzoli “Dopo di noi” Onlus.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.