Il Tar: “Improcedibile il ricorso di Raggi”. Bariola rimane in consiglio comunale

“Il ricorso presentato da Samuele Raggi è stato dichiarato improcedibile e quindi a tutti gli effetti Gianluca Bariola rimane all’interno del consiglio comunale”.

E’ stato il sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri in apertura di seduta di lunedì del consiglio a rendere noto il pronunciamento del Tar di Parma sulla vicenda riguardante il conteggio delle schede delle elezioni del giugno 2017. Samuele Raggi, candidato consigliere nella lista Piacenza del Futuro, aveva contestato un errore di trascrizione delle sue prefenze: alle 124 ufficializzate ne mancavano altre 12, ottenute nella sezione 103 a Borghetto, attribuite ad un altro candidato.

Questo ha fatto sì che Gianluca Bariola risultasse il primo dei non eletti, entrando in consiglio dopo le dimissioni del candidato sconfitto del centrosinistra Paolo Rizzi. Ne era quindi scaturita una complessa vicenda giudiziaria: nei mesi scorsi il Tribunale di Piacenza aveva riconosciuto il torto subìto da Raggi, sancendo poi anche il risarcimento da parte del Comune delle spese legali.

Ora l’ultimo pronunciamento del Tar. Per i giudici, che riconoscono come “l’erroneità dello scrutinio finale sia stata incontrovertibilmente accertata dal Tribunale di Piacenza”, il ricorso è improcedibile per la mancata impugnazione della deliberazione con la quale il Comune ha surrogato il consigliere comunale Rizzi.

Il prossimo passo, per Raggi, potrebbe essere quello di un nuovo ricorso, questa volta al Consiglio di Stato. “Non ho ancora deciso cosa fare, valuterò nei prossimi giorni con il mio legale – dice Raggi -, certo sono un po’ stanco della vicenda in sè, a maggior ragione se, come in questa ultima sentenza, si privilegia la forma alla sostanza accertata in modo incontrovertibile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.