“La nostra materna è sempre stata un gran vanto, perchè tutta questa cattiveria?”

Sulla vicenda della scuola materna di San Polo di Podenzano e dell’arresto di tre maestre, una delle quali è una suora, accusate di maltrattamenti ai bambini, riceviamo una lettera firmata da una mamma.

La signora (la lettera è firmata) difende l’asilo di Podenzano e chiede che venga fatta al più presto luce sulla vicenda lontano dal clamore e dalla “cattiveria gratuita”.

Ecco il testo.

Buongiorno, sono una mamma di due ragazzi ormai grandini, ma che sono cresciuti fra asilo e parrocchia. Quello che abbiamo letto in questi giorni ci ha lasciati di stucco e colpito a tradimento al cuore.

Noi tutti abbiamo sempre amato quell’asilo, nelle cui aule si tiene anche la dottrina tutti i sabati. La nostra Suora è sempre stata un perno importantissimo, per l ‘asilo, il grest è anche le uscite estive in montagna.

Lei è stata la scintilla che riusciva e riesce a mobilitare mezzo paese a partire dai piccoli, ai più grandini ed infine i genitori per le rappresentazioni natalizie e pasquali. Tutti si sentono coinvolti senza che lei debba chiedere più di tanto.

Come può una persona che sa attirare atttorno a se tanto movimento non essere considerata bene?

Facendo anche parte del consiglio pastorale da qualche anno, so anche l’impegno e la dedizione con cui il Don e la suora si occupano della scuola materna. La cura con cui scelgono le insegnanti, che io non conosco personalmente, ma che le amiche con bimbi che frequentano, mi confermano essere bravissime persone e maestre. Di come sono contenti di tenere sempre i bimbi al caldo e ben curati con un ottima cucina (ai tempi in cui mia figlia frequentava sembrava che la cucina dell asilo fosse la migliore al mondo per lei!).

Possono persone così accorte e premurose ricevere tutto questo clamore in negativo? Tutto questo odio?

La nostra scuola materna è sempre stata un gran vanto. Perché tutta questa cattiveria gratuita?

Sinceramente non comprendo e confrontandomi con tante mamme, nessuna di noi ha nulla da rimproverare a nessuna delle persone coinvolte.

Vorremmo solo che al momento calasse un po’ di silenzio per lasciare a chi di dovere il compito di chiarire la cosa. Nel frattempo dare tanta solidarietà a chi è stato ingiustamente accusato.

Lettera firmata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.