L’inciviltà nel calcio: “Impariamo dai bambini” Incontro a scuola il 13

Riceviamo e pubblichiamo la nota a firma dell’Aia provinciale, l’associazione degli arbitri, e della Figc di Piacenza su alcuni recenti episodi di inciviltà nel calcio dilettantistico. In programma anche un’iniziativa pubblica voluta dai bambini della IV C della  scuola elementare “Don Minzoni”. Ecco il testo.

Impariamo dai bambini

Leggendo da più parti del difficile clima che si è creato sugli spalti nel mondo del calcio ci sentiamo di fare una riflessione su quanto recentemente accaduto alla ragazza arbitro, insultata da una mamma in tribuna e al portiere dell’Agazzanese, insultato in quanto persona di colore.

A fronte delle solite ed inutili discussioni “da bar”, che durano giusto alcuni giorni, stavolta qualcosa si è mosso tangibilmente: dalle istituzioni? dal Coni? dalla Figc? Risposta scontata…No. Merito degli alunni della classe IV C della scuola primaria “Don Minzoni” che hanno deciso di “adottare” l’arbitra invitandola ad andare nella loro scuola per conoscerla, sostenerla e fare amicizia. I bambini, non contenti, hanno scritto anche una lettera aperta ai genitori invitandoli a lasciar giocare i ragazzi in tutta tranquillità, sostenendo entrambe le squadre ed accomunando tutti in un grande applauso finale. I bambini hanno altresì invitato il portiere dell’Agazzanese per esprimergli la loro solidarietà.

Che dire di fronte a questa manifestazione di saggezza se non che, ancora una volta, dobbiamo tutti, noi adulti, imparare dai bambini e seguire le indicazioni dei ragazzi della scuola Don Minzoni; solo così il calcio giovanile tornerà ad essere un gioco, anzi “il giuoco” con tanti contenuti educativi di rispetto, tolleranza ed inclusione.
Per questo abbiamo deciso in sintonia con le nostre Federazioni Nazionali di accogliere l’invito dei bambini e di andare a trovarli a scuola il 13 dicembre per discutere con loro. Insieme a noi ci saranno la ragazza arbitro ed il portiere.

Inoltre, insieme al Centro Federale Territoriale FIGC di Piacenza il giorno 16 dicembre alle ore 20,30, presso il salone del CONI in via Calciati,14, organizzeremo un workshop alla presenza di ragazzi e genitori del CFT, degli allievi del corso per istruttori di calcio “Grassroots E” e di tutti gli addetti ai lavori che vorranno testimoniare il loro rifiuto ad ogni forma di violenza, fisica e verbale nel mondo dello sport. Pensiamo che le lettere scritte dai bambini meritino la massima condivisione e possano essere di stimolo per una riflessione comune a tutto il mondo sportivo, a tutti i genitori e ai ragazzi delle scuole.

Da parte nostra diffonderemo le lettere ed eventuali altre proposte che usciranno dagli incontri, a partire da quello che faremo alla scuola Don Minzoni il 13 dicembre. Sarebbe bello che i genitori di bambini che giocano a calcio nelle società sportive rispondessero alla lettera aperta. È ora che la società tutta dica sì allo sport educativo e no a qualsiasi discriminazione e intolleranza. Le nostre Federazioni Nazionali si sono già attivate affinché il messaggio che è partito da Piacenza possa essere diffuso a livello nazionale.

Il Presidente Prov.le AIA Piacenza
Domenico Gresia

Il Delegato Prov.le FIGC – SGS Piacenza
Dario Massimini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.