Mariani e il Klimt rubato “Potrebbe essere la volta buona” foto

“In questi anni ne sono stati trovati tanti di falsi, almeno 6 o 7. Tuttavia in questo caso le circostanze lasciano pensare che possa davvero essere la volta buona, il fatto che sia stata trovata in una nicchia coperta dall’edera lascia pensare che questo potrebbe essere davvero il “Ritratto di signora” di Klimt, rubato quasi 23 anni fa”.

Lo dice il giornalista Ermanno Mariani, che in questi anni ha sempre seguito da vicino la vicenda. Accanto ai numerosi articoli pubblicati da Libertà, su questo cold case incentrato nel mondo dell’arte, Mariani ha scritto un libro “Il mistero del doppio ritratto del Klimt”, edizioni Pontegobbo. Un libro che forse dovrà vedere rivisto il finale.

La nicchia nella quale è stato trovato il quadro

Chi ha potuto vedere il dipinto ritrovato in galleria dice che è in ottime condizioni, il quadro riporta i sigilli dell’epoca. Manca la cornice, in effetti quando era stato rubato questa era stata tolta. Resta da chiarire se qualcuno lo abbia fatto trovare, mettendolo nella nicchia o se è rimasto lì per molto tempo. Io propenderei per la prima ipotesi, ma saranno gli esami ad accertarlo”.

“Allo stesso modo, saranno gli esami degli esperti a stabilire se il dipinto ritrovato è autentico, se così fosse sarebbe davvero un gran finale d’anno per la città di Piacenza. Questo è uno dei quadri più ricercati al mondo, averlo ancora qui potrebbe attirare decine di migliaia di visitatori. Sono solo tre i quadri di Klimt in Italia, e poi il “Ritratto di signora” in realtà ne cela due (aspetto scoperto dall’intuizione di una studentessa del Colombini, Claudia Maga ndr), aspetto che aveva fatto salire le quotazioni dell’opera proprio poco prima del furto. Il suo valore infatti è inestimabile”.

Chiostri transennati

Perché pensare che sia autentico e come mai questo ritrovamento, dopo quasi 23 anni? “Negli ultimi tempi si erano mosse diverse situazioni, c’erano stati dei movimenti, come avevo riportato su Libertà, che avevano lasciato supporre che il ritrovamento di questo quadro potesse verificarsi – risponde il giornalista -. Io stesso avevo preso parte a una trattativa tra chi aveva portato via il dipinto e i carabinieri. C’era stato un tentativo, poi finito nel nulla. Ora c’è stato questa improvvisa apparizione. Insomma, noi facciamo i cronisti…dobbiamo essere un po’ maligni nel pensarle tutte. Magari la “Signora” era davvero nella nicchia da 22 anni o qualcuno l’ha portata qui successivamente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.