Nasce anche a Piacenza il comitato di Emilia-Romagna Coraggiosa

Nota stampa

“Lavoreremo per un’Emilia-Romagna coraggiosa, ecologista e progressista. Aperta e moderna, multiculturale ed europeista”.

Anche a Piacenza nasce il comitato promotore di Emilia-Romagna coraggiosa, una lista progressista ed ecologista che vede in Elly Schlein, 34enne enfant prodige della politica, già parlamentare europea, la capolista. E sarà proprio la stessa Schlein a tenere a battesimo la prima uscita ufficiale della compagine a Piacenza: l’appuntamento è per venerdì 6 dicembre, alle ore 18, presso la Serra di Palazzo Ghizzoni in via X giugno per un’assemblea pubblica. “Puntiamo su uno sviluppo economico moderno e sostenibile, sull’innovazione tecnologica, sulla trasformazione ecologica della produzione e sull’economia verde e circolare” scrivono i promotori nel manifesto di Emilia-Romagna coraggiosa.

Fanno parte della compagine, a livello locale, donne e uomini espressione di un civismo progressista e rappresentanti di mondi associativi, uniti a politici “di sinistra” con esperienze amministrative significative. In ordine alfabetico, sono nel comitato promotore Daniele Bosoni, Maura Bruno, Francesco Cacciatore, Alessandro Fornasari, Raffaele Fumi, Serena Groppelli, Francesca Mazzari, Matteo Provini, Piera Reboli, Gabriele Scagnelli, Milvia Urbinati, Davide Vanicelli, Renato Zurla.

“L’Emilia Romagna è da sempre un luogo simbolo di pace e di giustizia sociale. Un luogo simbolo della cooperazione solidale e dell’innovazione industriale, un territorio ove anche i piccoli imprenditori agricoli, unendosi, hanno potuto competere e crescere. Un luogo simbolo dell’antifascismo, delle lotte sindacali, dell’emancipazione, dell’attenzione ai diritti e alle differenze. Un luogo simbolo di servizi efficienti, patria della più antica università al mondo. Una grande tradizione di benessere e di coesione sociale che deve essere messa a disposizione di un mondo che cambia, cambia molto più velocemente di quello che a noi può sembrare e per questo oggi siamo chiamati a una svolta”. Questo il ragionamento alla base del progetto politico a sostegno del presidente Bonaccini.

“L’Emilia Romagna si trova infatti in un contesto europeo che ha conosciuto una crisi violentissima che ha aumentato anche qui le disuguaglianze e ha portato le persone a perdere il controllo delle proprie vite. Crediamo pertanto in una Regione che sappia cogliere i nuovi problemi e dare risposte ai bisogni di chi è rimasto indietro. Serve restituire dignità al mondo del lavoro, a partire dalla parità di genere, dalle relazioni sociali, dal rispetto delle professionalità e di garanzia delle retribuzioni. Serve creare occasioni di reddito e di produzione per i giovani, per favorirne l’inclusione e per rilanciare un’occupazione di qualità attraverso un sistema dell’istruzione e dell’Università ancora più moderno ed inclusivo”.

“Serve stimolare e governare i processi di trasformazione, ponendoli al servizio delle persone e dei loro bisogni, per consentire una redistribuzione che rappresenta un valore aggiunto per la società. Per questo, alle prossime elezioni regionali – che si terranno il 26 gennaio 2020 – sosterremo la lista “Emilia Romagna Coraggiosa. Ecologista e Progressista”, impegnandoci fin d’ora al fianco di Elly Schlein, che insieme ad altri ha lanciato con entusiasmo il progetto. Ci saremo – concludono dal Comitato di ER Coraggiosa – con le nostre idee e le nostre proposte concrete che pongano al centro dell’agenda la questione ambientale, il cambiamento climatico e la lotta alle diseguaglianze”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.