Per il Piace trasferta complicata contro il Sudtirol, Franzini “Chiudiamo al meglio l’anno”

E’ una gara che può dire molto sul futuro del Piacenza quella che vedrà i biancorossi scendere in campo domenica (fischio d’inizio posticipato alle ore 15,15, vedi articolo sotto) a Bolzano contro il SudTirol.

Il ritorno alla vittoria con il rotondo successo sul Rimini (ottavo risultato utile consecutivo), anche al netto di una gara sicuramente non brillantissima, ha dato morale per affrontare un finale d’anno che dopo la partita di domenica vedrà la squadra di Franzini impegnata nei quarti di Coppa Italia contro la Juventus Under 23 (18 dicembre) e poi di nuovo in campionato contro l’Arzignano (22 dicembre), ultimo appuntamento prima della sosta.

La notizia della settimana in casa Piacenza è stata la rescissione del contratto di Daniele Cacia, volontà manifestata dal giocatore a cui la società ha dato seguito: una stagione fin qui mai decollata per l’attaccante, che certamente ha reso ben al di sotto di quelle che erano le aspettative di tutti. La prima conseguenza pratica di questa separazione è per Franzini quella di ritrovarsi con un attaccante in meno, potendo ora contare sul capocannoniere del girone Paponi, su Sylla e sul giovane Forte, quest’ultimo però fin qui quasi mai utilizzato. “Abbiamo l’obbligo di giocare al meglio queste ultime tre partite dell’anno – le parole del tecnico alla vigilia, domenica incontreremo una squadra che viene ritenuta una delle sorprese del campionato ma che, in realtà, sono già diversi anni che sta facendo bene. Mi aspetto quindi una gara simile a quella di Reggio Emilia, con tante occasioni da una parte e dall’altra. Solo dopo la partita con il Sudtirol penseremo alla Coppa Italia, manifestazione che ci interessa moltissimo”. Franzini, che può contare sulla rosa al completo, dovrebbe accantonare il 4-4-2 visto contro il Rimini per il ritorno al 3-5-2, con Sestu a sostegno di Paponi in avanti.

Arriva da una vittoria anche il Sudtirol di Stefano Vecchi, che domenica ha avuto la meglio del Ravenna tornando al successo dopo il doppio ko consecutivo contro Triestina e Vicenza. Una squadra attualmente al quarto posto a braccetto con la Reggiana a quota 35 punti, quattro in più del Piacenza, che in caso di successo potrebbe accorciare in classifica. Vecchi dovrà fare a meno di Hannes Fink e Marco Crocchianti, mentre Vinetot è sulla via del recupero, ma potrà contare sulla vena realizzativa dell’ex Morosini (9 centri per lui finora) e di Mazzocchi (a quota 8 reti). Altro ex di giornata è Niccolò Romero, in biancorosso per due anni.

LEGA PRO, GHIRELLI “DEFISCALIZZAZIONE NECESSARIA” – Il Presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli si è pronunciato sull’importanza della defiscalizzazione “necessaria ai club della Lega Pro”, annunciando che il prossimo turno di campionato comincerà con 15 minuti di ritardo “per lanciare un segnale importante”.

“Dopo le ultime difficili stagioni – afferma Ghirelli – come Lega Pro ci siamo impegnati per far approvare delle regole rigide che tutelassero i grandi imprenditori della serie C e siamo riusciti a farle approvare. Abbiamo lavorato con la FIGC per creare una nuova regolamentazione sui requisiti di onorabilità (black list) e di solidità finanziaria al fine di evitare l’ingresso dei soliti noti ad inquinare il sistema e siamo riusciti a vararla. Con una delibera all’unanimità della nostra assemblea abbiamo creato un nuovo regolamento sul minutaggio volto alla valorizzazione dei giovani calciatori con particolari ed importanti incentivi per quelli cresciuti nel settore giovanile dei nostri club”.

“Le nostre società hanno migliorato i propri stadi, con grandi sacrifici, per essere in linea con le nuove normative. Stiamo lavorando per ricercare maggiori risorse attraverso la presentazione di progetti strutturati presso il CIPE, l’UE e Sport e Salute. L’11 dicembre la Commissione Bilancio al Senato ha approvato un emendamento alla manovra che agevola società e federazioni al passaggio al professionismo delle donne sportive. È stata introdotta una defiscalizzazione, da gennaio 2020 e fino al 2022, per le società che stipulano con le atlete contratti di lavoro sportivo, vale a dire l’esonero del versamento del 100 per cento dei contributi previdenziali. È un provvedimento che accogliamo con un’esigenza di necessaria riflessione per valutarne i reali effetti essendo stata la nostra Lega da sempre a sostegno dello sviluppo del calcio femminile”.

“Con altrettanta sincerità dobbiamo però evidenziare che la proposta della defiscalizzazione è stata strutturata, creata e presentata in varie occasioni dalla FIGC e dalla Lega Pro al fine di consentire una maggiore sostenibilità alla nostra categoria. Un progetto che non vuole un semplice intervento spot ma un intervento coordinato con altri asset affinché si possa concretamente arrivare alla sostenibilità dei club di Lega Pro”.

“Abbiamo quindi la necessità – prosegue Ghirelli – che il Governo conceda ai nostri club la defiscalizzazione mirata al reinvestimento delle somme nella formazione dei giovani calciatori e nelle infrastrutture. I nostri presidenti, grandi imprenditori, devono essere aiutati a mantenere quel fondamentale reticolo e presidio sul territorio. Per formare i ragazzi e nel contempo toglierli dai pericoli della strada sostengono dei costi che oggi non riescono a fronteggiare. I 17 milioni di italiani che rappresentiamo devono sapere se possono avere la possibilità di continuare a vedere lo spettacolo delle proprie squadre del cuore tra i professionisti o se devono arrendersi all’idea di una categoria che va riducendosi per garantire la sostenibilità. Noi non intendiamo arrenderci all’idea di vedere il panorama professionistico del calcio italiano impoverito di piazze storiche e importanti con tifoserie fantastiche. Vogliamo continuare a giocare, ma il prossimo turno inizierà con 15 minuti di ritardo come segnale che questa Lega non sta a guardare”.

“La Lega Pro – conclude – chiede al Governo che vengano adottati urgenti provvedimenti e fornite risposte concrete in materia di defiscalizzazione per le società che partecipano al campionato serie C. Se ciò non accadrà, Lega Pro valuterà l’adozione di ulteriori misure”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.