Piogge intense sul piacentino, si alza il livello dei fiumi

Piogge intense su tutto il territorio della provincia di Piacenza nelle ultime ore.

La Protezione civile regionale ha diffuso una nuova allerta gialla per le piene dei fiumi, frane e vento, che interessa anche la nostra provincia. Per la giornata di sabato 21 dicembre sono previste a partire dalla serata nuove precipitazioni sul crinale appenninico, localmente a carattere di rovescio; tendenza ad esaurimento nella seconda parte della giornata di domenica 22 dicembre. Si avrà anche un aumento della ventilazione con venti forti sui rilievi appenninici, prima sul settore occidentale (valori tra 62 e 74 km/h) e nella giornata di domani sul settore centro-orientale (valori tra 74 e 88 km/h).

Il fiume Po e gli altri corsi d’acqua sono in aumento – Le precipitazioni delle ultime ore e l’ innalzamento dei livelli di diversi affluenti – spiega Aipo – porteranno a un incremento dei valori del fiume Po nel tratto mediano, dove si prevede il superamento della soglia 1 di criticità (ordinaria, colore giallo) nell’arco delle prossime 24 ore lungo il tratto tra Piacenza a Borgoforte.L’evento viene monitorato da AIPo in coordinamento con i sistemi regionali e locali di protezione civile.

Il personale tecnico e operativo del Consorzio di Bonifica di Piacenza sta monitorando il comprensorio provinciale. Anche durante il periodo delle festività verrà garantito un servizio di assistenza tecnica, monitoraggio e reperibilità. Per urgenze e segnalazioni è possibile consultare il sito web del Consorzio (www.cbpiacenza.it) con le numerazioni utili”. E’ il Presidente del Consorzio, Fausto Zermani, ad intervenire sulla situazione di maltempo che, da ieri, sta colpendo in maniera diffusa il territorio.

CITTÀ DI PIACENZA E FASCIA COSTIERA DEL PO – Per quanto riguarda la zona di pianura, le piogge e l’innalzamento generale di fiumi e torrenti hanno richiesto l’entrata in funzione degli impianti idrovori posti lungo la fascia costiera del Po, attivi sia con le pompe utili al deflusso delle acque che arrivano da monte, sia con le paratoie che, chiuse, non permettono il rigurgito del grande fiume sui territori limitrofi. In funzione gli impianti di Finarda (Piacenza), Armalunga (zona sub urbana), Zerbio (Caorso) e Casino Boschi (Sarmato).

DIGA DEL MOLATO (Alta Val Tidone) E DIGA DI MIGNANO (comune di Vernasca) – Alla diga di Molato presenti circa 5 milioni di metri cubi pari all’80% del volume autorizzato. Tra venerdì 20 e sabato 21 alle ore 8 precipitazioni totali intorno ai 12 millimetri. Alla diga di Mignano presenti circa 600 mila metri cubi pari al 6% del volume autorizzato. Tra venerdì 20 e sabato 21 alle ore 8 precipitazioni totali intorno ai 31,6 millimetri.

“Rimaniamo in contatto con le amministrazioni comunali, la Regione Emilia Romagna, Aipo, il Servizio Affluenti Po e la Prefettura con i quali continua la stretta collaborazione” conclude Fausto Zermani.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.