No di Pozzi al bilancio, critiche anche dal centrodestra “Ha sbagliato”

Si chiude non senza polemiche l’ultima tappa dell’approvazione del Bilancio di previsione e Dup 2020-2022 della Provincia di Piacenza. L’unanimità di Palazzo Garibaldi è stata ribadita anche in occasione del consiglio provinciale del 19 dicembre, ma, dopo l’assemblea dei sindaci dello scorso 11 dicembre in cui ha tenuto banco il no del vicesindaco di Castelsangiovanni, Corrado Pozzi, c’è stato l’inevitabile strascico polemico.

La decisione di Pozzi, che venne giustificata per una mancanza di attenzione dell’ente provinciale verso la provinciale Valtidone 412 R, bisognosa di interventi di manutenzione, è stata riportata sul tavolo della discussione dal consigliere di minoranza Luca Quintavalla, sindaco di Castelvetro. “Non è stato un bel servizio al territorio, avete dato brutto esempio – ha detto Quintavalla rivolgendosi a Valentina Stragliati e Sergio Bursi, consiglieri provinciali, oltre che in consiglio comunale a Castello insieme a Pozzi – . L’assemblea dei sindaci è una cosa seria, mi aspettavo che il sindaco Fontana prendesse le distanze da questa decisione. Mi piacerebbe – ha incalzato – sapere la vostra opinione in merito”.

“Sono contrario a quanto fatto da Pozzi – ha commentato Bursi -. Ha sbagliato, avrebbe dovuto semplicemente farsi tramite di qualcosa che era stato già deciso a livello dell’amministrazione, ovvero l’approvazione del bilancio, e non portare opinioni personali”. Meno conciliante Stragliati “Non rispondo alle provocazioni del Pd” – le parole rivolte a Quintavalla. Le hanno fatto eco poi i consiglieri di maggioranza Franco Albertini e Paola Galvani “Mi sembra un argomento che non spetta al consiglio provinciale – ha affermato Albertini -, ma un problema che dovranno risolvere internamente i consiglieri di Castel San Giovanni”. “Stiamo solo dando da parlare alla stampa” – ha aggiunto Galvani.

Superate le polemiche, Quintavalla si è poi voluto complimentare con la Provincia per la “capacità di investimento e la volontà di aiutare i territori più in difficoltà, oltre che per il piano di assunzioni che ha portato ad un aumento di personale. Mi auguro – ha aggiunto – che nel prossimo anno questo processo di assunzioni possa, tramite convenzione, essere esteso anche ai Comuni”. Soddisfazione anche da parte di Patrizia Calza “Complimenti per gli ultimi tempestivi interventi dopo l’ondata di maltempo – ha evidenziato -. Sono sempre stata convinta dell’operato e dello zelo con cui l’amministrazione provinciale si mette a disposizione dei cittadini. Quando si lavora bene l’auspicio è abbandonare contrasti tra fazioni politiche per far emergere l’aspetto positivo del nostro lavoro”.

“Sono molto contenta di questo bilancio perché risponde a molte esigenze del territorio” – il commento a margine del presidente della Provincia Patrizia Barbieri, che ha poi chiamato i consiglieri ad una prima votazione – unanime – per l’emendamento sul programma triennale delle opere pubbliche. All’ordine del giorno anche la comunicazione sulla razionalizzazione periodica della società partecipate. “Rimangono Piacenza Expo, Lepida e Agenzia Tempi – ha spiegato -, stiamo chiudendo il recesso con la Faggiola e confermiamo la chiusura di Piacenza Turismi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.