Girasole, Terrepadane attenta alle nuove opportunità

Più informazioni su

Valorizzare la coltura del girasole, spiegando le opportunità agli agricoltori.

Era questa la finalità dell’incontro “Nel biologico è l’esperienza che fa la differenza” che si è svolto nella gremita Sala Bertonazzi del palazzo dell’Agricoltura di Piacenza. Ad organizzare l’evento sono stati il Consorzio Agrario Terrepadane in collaborazione con Agricola Grains, azienda leader nella produzione di oli vegetali specializzata nei prodotti biologici.  In primo piano, dunque, la filiera bio del girasole altoleico 100% italiano, ma anche le opportunità rivolte alle aziende in conversione al metodo biologico e alle aziende convenzionali, con proposte agronomiche, dinamiche di mercato e condizioni commerciali per la campagna 2020.

“Per il primo anno Terrepadane, nell’ottica di individuare sempre nuovi sbocchi per sostenere il reddito delle imprese agricole, ha ampliato la sua offerta dei contratti con quello del  girasole bio – spiega Marco Cappelli, responsabile dei cereali e dei mangimi nel Consorzio -. Terrepadane è molto attenta al ritiro, stoccaggio e analisi dei prodotti che vengono conferiti dalle aziende agricole e negli ultimi anni sta registrando una forte crescita del biologico (con +20% nel 2019 rispetto al 2018), a conferma della grande attrattività di questo mercato”. Nello specifico della coltivazione del girasole e della successiva produzione degli oli è entrato invece Davide Andreasi di Agricola Grains, realtà che lavora con circa 600 aziende agricole in Italia con un bacino totale di circa 50mila ettari. “Il girasole – ha spiegato – è una coltura in netto aumento e che è migliorata molto rispetto al passato, grazie all’attività di selezione degli ibridi più produttivi ed al supporto di innovativi mezzi agronomici”.

A chiudere i lavori Giorgio Mazzoni, responsabile agronomico e delle filiere del Consorzio agrario, che ha illustrato le scelte agronomiche proposte da Terrepadane e abbinate alla coltura del girasole, ricordando in particolare la produzione dei concimi liquidi e fogliari nello stabilimento Multiliquid di Fiorenzuola.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.