A Sarmato i giovani scoprono le loro radici grazie al weekend del dialetto foto

Più informazioni su

Sarmato (Piacenza) guarda indietro alle sue origini, per raccontare agli abitanti storie e racconti di strade e personaggi di un tempo lontano.

Si è aperto nella mattinata di venerdì 17 gennaio – giornata nazionale del dialetto – il weekend del dialetto con una passeggiata con le classi quinte delle scuole elementari guidati da due poeti dialettali sarmatesi, Ester Albiero e Sandro Sacchi. I bambini hanno così riscoperto scorci del Sarmato di poco meno di un secolo fa, rappresentati nelle fotografie che sono state stampate e posizionate in vari punti del paese, da Piazza Roma a Piazza Cortiglio, fino a via Po. Negli occhi dei bambini la meraviglia per un paesaggio diverso da quello a cui sono abituati e molta curiosità per i versi delle poesie di Albiero e Sacchi.

Sabato 18 gennaio, alle ore 15 l’appuntamento è aperto a tutti i sarmatesi alle ore 15 in Vicolo Badile (all’incrocio con via Po) per scoprire la nuova targa realizzata per spiegare proprio come mai questa via si chiami in questo modo e qual è il suo nome in dialetto, per poi proseguire il giro facendo tappa alle varie fotografie, per terminare con i poeti all’osteria “del balilla”, la più longeva del paese.

“Abbiamo voluto aderire alla giornata nazionale del dialetto, quest’anno all’ottava edizione, per mettere in luce scorci di Sarmato e delle sue tipicità – spiega il Sindaco Claudia Ferrari -. La targa “Cuntrà dla Badila” è la prima di una serie che abbiamo in programma per raccontare le vie ma anche i personaggi che hanno abitato il paese e l’hanno portato a diventare quello che conosciamo ora”.

Le foto appartengono all’archivio fotografico del club sarmatese e sono state riprodotte su forex: un gioco visivo che paragona passato e presente e stupisce nelle diversità. “Non si tratta di essere malinconici, ma di guardare al paese attraverso le tante piccole storie che ci hanno portato fino a qui – continua Ferrari -. Ora siamo noi a fare Sarmato, ad abitarne le vie e a crearne la quotidianità: conoscerle attraverso immagini e parole è entrare a far parte ancor di più di questa comunità, che dev’essere naturalmente proiettata verso il futuro: proprio per questo è ancora più importante avere salde radici”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.