Quantcast

Cavalli (Lega) “Commercio va incentivato con burocrazia più snella e lotta all’abusivismo”

“Per troppi anni il nostro territorio non ha avuto risposte efficaci dalle politiche regionali”.

A parlare è il piacentino Stefano Cavalli (Lega), candidato al Consiglio regionale alle prossime elezioni di questa domenica 26 gennaio. Tra le priorità della Lega, c’è indubbiamente il rilancio del commercio. “Più volte ho denunciato la moria di negozi. Da più di un anno sono assessore al commercio nel comune di Piacenza e ho toccato con mano le difficoltà che affrontano i negozianti, difficoltà che – da commerciante – comprendo bene e che da assessore mi vedono impegnato concretamente in prima persona. I piccoli esercenti, con una preziosa valenza sociale in zone come quelle montane, contribuiscono all’attrattività e alla sicurezza, un ruolo vitale che va loro riconosciuto con incentivi, una burocrazia più snella e con una forte lotta all’abusivismo e alla contraffazione. E bisogna incentivare le presenze sul territorio non solo a beneficio dei negozi, ma anche del nostro patrimonio artistico, culturale ed enogastronomico”.

“Provvedimenti – prosegue Cavalli – come quello oneroso che da gennaio ha introdotto a livello nazionale lo scontrino elettronico creano costi e disagi, non rappresentando naturalmente una risposta a chi, tra mille sacrifici, porta avanti un’attività. Piacenza vanta un territorio bellissimo, ma che purtroppo fa i conti con forti difficoltà, per troppo tempo ignorate. La scorsa settimana, durante il suo tour nel Piacentino il nostro leader Matteo Salvini (che domani, giovedì 23 gennaio alle 8.30, tornerà a Piacenza e prenderà un caffè al bar Americano sul Pubblico Passeggio) ha visitato anche lo stabilimento Casalasco di Gariga. Doveroso ricordare quanto il pomodoro sia importante per la nostra economia (siamo la prima provincia del Nord Italia per ettari coltivati) e quanto – a livello regionale – siano necessari e urgenti interventi per valorizzare i nostri prodotti e sostenere gli sforzi dei nostri produttori, che – oltre a dover affrontare la variabile clima – rispettano rigidi disciplinari per garantire alta qualità e sicurezza al consumatore”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.