“Facciamo luce sull’endometriosi”, appello all’adesione anche a Piacenza

Abbiamo ricevuto e pubblichiamo l’appello arrivato da una cittadina, affetta da endometriosi, affinché anche la città di Piacenza aderisca alla campagna di sensibilizzazione dedicata a far luce su questa patologia. I Comuni aderenti si sono impegnati ad illuminare di giallo un monumento o un luogo simbolo, sito nel Comune stesso. 

L’APPELLO – In occasione del mese della consapevolezza dell’endometriosi, che ricorre a marzo, diverse iniziative vengono poste in essere in Italia con l’obiettivo di garantire una sempre più diffusa conoscenza di tale patologia. Inoltre, durante lo stesso mese, in 55 capitali del mondo, viene organizzata la Worldwide Endomarch. L’edizione italiana è in programma per sabato 28 marzo 2020 a Roma.

Anche quest’anno, in occasione della marcia mondiale a Roma, verranno organizzati diversi eventi, tra i quali, oltre alla marcia, una Tavola Rotonda, dalle 14.00 alle 18.00, presso l’ASL 1 di Roma con medici, pazienti ed associazioni. Alla nostra Regione, la prima che nel giugno 2018 ha approvato il decreto 8735 sulla presa in carico della persona affetta da Endometriosi, chiediamo un segno in Giallo (https://www.aendoassociazione.com/images/aendo/legislazione/Decreto_8735_DDG2018_8735_ENDOMETRIOSI.pdf). Nelle città italiane, nel mese di marzo, i Comuni aderenti si impegnano ad illuminare di Giallo (colore simbolo dell’Endometriosi) un monumento o una statua sita nel comune stesso.

Tanto premesso, vista l’importanza sociale che riveste la malattia e il contributo fondamentale che l’informazione e la conoscenza possono dare, quanto meno in termini di prevenzione, chiediamo agli organi di stampa di pubblicare un articolo che magari possa arrivare all’attenzione dei vari sindaci, in concomitanza con la data della marcia che si terrò a Roma il 28 marzo 2020. Tale gesto rappresenterebbe un tassello importante nella battaglia per la conoscenza e contro l’indifferenza che tutte noi donne, affette da endometriosi, siamo costrette a combattere ogni giorno.

Come scritto sopra, la marcia, che è un evento mondiale che si svolge da ben 7 anni in oltre 54 capitali mondiali (dagli Usa all’America Latina, per passare poi in Africa, nel Medio-Oriente e nelle Indie), rappresenta un modo per sensibilizzare le persone e diffondere sempre di più materiale informativo in merito alla patologia, per far si che possa essere diagnosticata tempestivamente. Solo in Italia si stima che siano 3.000.000 le donne affette da questa patologia (1 su dieci). Una patologia infiammatoria, cronica e altamente invalidante, spesso recidiva. Si stima che la giusta diagnosi avvenga dopo ben  anni dalla comparsa della patologia. L’endometrio, che è il tessuto che riveste la parete interna uterina, “impazzisce” e si diffonde anche al di fuori dall’utero attaccando gli organi circostanti: vescica, intestino, tessuto pelvico, ecc. formando aderenze. Questo procura dolori fortissimi durante la fase del ciclo, ma non solo. Alle volte, però, può essere perfino asintomatica.

Le ragazze che fanno parte di questa grande famiglia si dedicano costantemente alla sensibilizzazione dell’argomento. Tra le città che hanno già dato il loro appoggio, ad oggi, ci sono: Bologna, Venezia, l’Aquila, Vercelli, Potenza, Reggio Calabria, Padova, Desenzano. ecc. Aspettiamo risposta anche dal comune di Piacenza, città dove lavoro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.