“Il barbaro e il moderno”, con Alessandro Barbero si chiude la rassegna “Le ragioni del torto”

“Il barbaro e il moderno”, con Alessandro Barbero si chiude, domani 14 gennaio alle 18 la rassegna “Le ragioni del torto”, promossa dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano.

L’appuntamento è quindi fissato nell’auditorium dell’ente di via Sant’Eufemia. Per Barbero si tratta di un gradito ritorno a Piacenza, dopo essere stato tra gli ospiti dell’ultima rassegna di teatro antico a Veleia, con la direzione artistica di Paola Pedrazzini.

Professore ordinario di Storia Medievale all’Università degli Studi del Piemonte Orientale, con oltre 40 pubblicazioni, Barbero ha vinto nel 1996 il premio Strega con il libro “Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo”, ma è nel 2007 grazie alla collaborazione con Piero Angela e alla trasmissione Superquark che diviene noto al grande pubblico, complici le sue doti di grande divulgatore. Sempre nel 2007 inizia la collaborazione con il Festival della Mente di Sarzana, che anima ogni anno con un trittico di lezioni su un tema prestabilito.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.