Lotta alla mafia, un campus estivo in Calabria per i giovani di Calendasco e Gragnano

Inizio dell’anno all’insegna dei valori della legalità e del volontariato per l’Amministrazione di Gragnano Trebbiense (Piacenza).

Presso la Sala Consiliare Comunale, nei giorni scorsi è stato infatti presentato un nuovo progetto elaborato da Libera, in collaborazione con i Comuni di Gragnano e Calendasco, e finalizzato a promuovere la partecipazione dei giovani dei due paesi ad un campo estivo in Calabria, a Isola Capo Rizzuto, all’interno di un bene confiscato. L’obiettivo è formare i ragazzi partecipanti sui temi dell’antimafia sociale e sulla conoscenza dei territori coinvolti per imparare la cultura della legalità vivendo direttamente l’esperienza di un campo estivo di “E!State Liberi!”, come già 3mila studenti hanno fatto lo scorso anno in Italia.

“L’aspetto più importante e originale è che la proposta non è arrivata da noi ma dal comune di Gragnano, grazie all’impegno dei consiglieri comunali Andrea Capellini e Matteo Provini” – ha sottolineato la referente piacentina di Libera, Antonella Liotti in occasione della presentazione dell’iniziativa in cui erano presenti anche i sindaci Patrizia Calza e Filippo Zangrandi e Umberto Ferrari, responsabile del campo estivo a Isola Capo Rizzuto. Dopo questo primo momento, chi fosse interessato potrà frequentare una serie di incontri di formazione sul tema e propedeutici all’esperienza del campo estivo. Questi si svolgeranno presso il capannone confiscato alla mafia a Calendasco, con un progetto di formazione che parte dal “basso”.

Antonella Liotti, nel sottolineare l’apprezzamento dei ragazzi piacentini che già hanno frequentato questi campi ed erano presenti in parte all’iniziativa gragnanese, ha poi voluto precisare come il sindaco Calza “abbia sempre sostenuto l’azione di Libera anche nei momenti difficili del percorso per confiscare il capannone di Calendasco”. L’obiettivo di quest’anno, per Zangrandi, sarà proprio quello di “restituire questo bene alla collettività, destinandolo a molteplici usi, tra cui appunto anche all’attività di formazione propedeutica alla partecipazione ai campi”.

Chi fosse interessato a intraprendere questa esperienza, o per semplici informazioni, può contattare i comuni di Gragnano e Calendasco, l’associazione Libera Piacenza e il sito ufficiale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.