Piacenza, gara da non sbagliare contro l’Arzignano DIRETTA dalle 20.45

Prosegue la settimana di fuoco del Piacenza, che questa sera (ore 20.45, aggiornamenti in diretta su PiacenzaSera.it) ospita al Garilli l’Arzignano nel recupero della prima giornata di ritorno saltata per lo sciopero indetto dalla Lega Pro.

Si torna in campo a due giorni dal ko interno con la Triestina e forse questo è un bene per i biancorossi, chiamati ad un pronto riscatto dopo una prova con molte zone d’ombra, che dovranno comunque dosare le energie vista la successiva e insidiosa trasferta di domenica a domicilio della Fermana. Il brusco stop patito contro la squadra di Carmine Gautieri ha messo fine alla striscia di dieci risultati utili consecutivi facendo riemergere alcuni dei difetti che il Piacenza si porta dietro da inizio stagione. Lunedì sera il gioco si è visto solo a sprazzi, anche a causa di ripetuti errori (spesso banali) in campo, si faticano a creare occasioni da rete e quando accade manca spesso la capacità di concretizzarle: così è accaduto a Modena e lo stesso si è visto contro la Triestina, quando Corradi a inizio ripresa sullo 0-1 si è trovato fra i piedi il pallone del pareggio.

Il calendario serrato di questa fine gennaio permette però poche recriminazioni e offre l’occasione di tornare alla vittoria nel match con la matricola Arzignano, che al primo anno fra i professionisti sta lottando per evitare i play out. Franzini visti gli impegni ravvicinati potrebbe optare per qualche modifica rispetto all’undici visto lunedì: sicuramente esordirà fra i pali l’ultimo arrivato Mazzini, che consentirà al tecnico di limitare a due gli under nelle altre zone del campo. Si tornerà quindi con la difesa composta da Borri, Pergreffi e Milesi e Della Latta in mediana; in avanti ballottaggio Sestu-Polidori per un posto a fianco di bomber Paponi. Il tecnico è nel mirino di una frangia di sostenitori biancorossi; nel pomeriggio di mercoledì all’esterno del Garilli è comparso uno striscione, firmato dalla Curva Nord, dal contenuto eloquente: “Franzini vattene”.

A tornare sul match con la Triestina è stato Simone Della Latta, che proprio lunedì ha toccato le 100 presenze in biancorosso: “Abbiamo creato tre-quattro occasioni da gol, è mancata un po’ di cattiveria e lucidità sotto porta e anche le condizioni del campo non hanno aiutato. Non voglio cercare alibi, però si poteva portare a casa un pareggio: nonostante la prestazione sicuramente non positiva abbiamo creato diverse occasioni. Dispiace sopratutto per il primo gol subìto, apparso in evidente fuorigioco. Ormai è andata così, ora rimbocchiamoci le maniche”.

L’Arzignano è reduce dall’importantissima vittoria a Gubbio, che ha consentito ai veneti di prendere una bella boccata di ossigeno in classifica: “La partita di Piacenza non ha bisogno di presentazioni – le parole alla vigilia del tecnico Alberto Colombo -: abbiamo di fronte un’avversaria tra le più competitive del girone, guidata da un allenatore sempre molto bravo a trovare le giuste chiavi di lettura delle situazioni più delicate. Le difficoltà saranno tante perché loro hanno qualità, e pure possibilità di ruotare molto la propria rosa, anche se il vero problema sarà la terza partita in una settimana”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.