Regionali, affluenza al 63%. Quasi il doppio rispetto al 2014

AGGIORNAMENTO ORE 23 – Si conferma alta l’affluenza alle urne, con una percentuale alla chiusura dei seggi che sfiora il 63%, contro il ben più modesto 36,23% del 2014.

Tra i Comuni con la maggiore affluenza c’è Piozzano, che sfiora il 70% (69,87), così come Pontenure con il 69%. Alta la partecipazione anche a Rivergaro, con il 67,37% degli aventi diritto al voto. A Piacenza la percentuale dei votanti è del 63,63%.

ORE 19 – Elezioni regionali, il dato dell’affluenza alle 19 in provincia di Piacenza è del 54,38 %. In netta crescita rispetto alla precedente tornata elettorale quando si fermò al 29,96 %.

Da registrare anche un incremento rispetto alle elezioni europee del maggio 2019 quando alle 19 votò in provincia il 52,29% degli aventi diritto. Piozzano il comune dove si è votato di più con il 62,25 % mentre la partecipazione più bassa è stata finora quella di Morfasso con il 29,66 %. Da segnalare che nel comune dell’alta Val d’Arda una quota considerevole di residenti vive all’estero, pertanto il dato risulta condizionare dal fattore emigrazione. A Piacenza città l’affluenza si attesta sul 54,32% in linea con la media provinciale. In regione l’affluenza è più elevata con una media del 59 % circa.

GUARDA L’AFFLUENZA COMUNE PER COMUNE

Elezioni regionali

ORE 12 – Secondo la prima rilevazione delle 12 relativa all’affluenza, la percentuale dei votanti è più che raddoppiata rispetto alle consultazioni regionali del novembre 2014. Un esempio? A Piacenza capoluogo nel 2014 alle 12 votò il 10,65% degli aventi diritto, oggi la percentuale è del 22,18. La media dei 46 comuni di Piacenza è del 22,55%, nel 2014 la prima rilevazione segnò il 10,65. A Travo la partecipazione più alta alle 12 con il 17,68 % mentre la maglia nera è di Morfasso con il 13,7. La media in tutta la Regione è del 23,44 % alle 12 (nel 2014 so era fermata al 10,77) VAI AI DATI REGIONALI

PiacenzaSera.it come sempre seguirà lo spoglio in DIRETTA con aggiornamenti in tempo reale a partire dalle 23.

IL MANIFESTO ELETTORALE DELLA CIRCOSCRIZIONE DI PIACENZA

Elezioni regionali

Urne aperte solo domenica, dalle 7 alle 23 per l’elezione del presidente e per il rinnovo dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna. A Piacenza e provincia sono chiamati alle urne oltre 228mila elettori.

AFFLUENZA OSSERVATA SPECIALE – Indicazioni importanti sul voto arriveranno nel corso della giornata di domenica con le rilevazioni sull’affluenza parziale, alle 12 e alle 19, prima di quella definitiva alla chiusura dei seggi delle 23. Cinque anni fa la partecipazione fu molto bassa: solo il 37,67% degli elettori a livello regionale, nel piacentino a recarsi alle urne fu il 36,29% degli aventi diritto (a Piacenza città il 36,44%). Alle 12 nel novembre del 2014 votò solo il 10,64 per cento degli aventi diritto in provincia di Piacenza, mentre alle 19 si recarono alle urne solo il 29,94 % degli aventi diritto.

Come andò nel 2014 – In attesa del voto, ricordiamo come andarono le ultime consultazioni regionali del 2014: Stefano Bonaccini, candidato del centrosinistra, vinse con il 49,05% delle preferenze, superando Alan Fabbri (centrodestra) e Giulia Gibertoni (5 Stelle).

Piacenza fu l’unica provincia in Emilia Romagna dove non vinse Stefano Bonaccini: a primeggiare fu Alan Fabbri con il 47,09 per cento. A seguire Bonaccini con il 37,57 per cento e Giulia Gibertoni (10,14 per cento). Quattro i consiglieri piacentini eletti: Paola Gazzolo del Pd (con 6003 preferenze), Gian Luigi Molinari del Pd (5820 preferenze) Matteo Rancan della Lega Nord (4515) e Tommaso Foti di Fd’I-An con 2222 voti. Guardando ai partiti, fu il Pd a primeggiare (35,07%), con la Lega Nord protagonista però di un vero e proprio exploit con il 28,20 per cento. Terzo partito risultò Forza Italia con il 13,81 per cento, davanti a Movimento 5 Stelle (9,96%). Fratelli d’Italia si attestò al 5,42 per cento.

Risultati ben diversi da quelli usciti, sempre a livello locale, nel 2018 in occasioni delle politiche, quando La Lega divenne il primo partito in provincia di Piacenza (27,5 %), seguito dal Movimento 5 Stelle (23,2 %) e Partito Democratico fermo al 17,6 %. Alle Europee del 2019 si registrò un trionfo della Lega in provincia di Piacenza con il 45,3 %. Secondo partito fu il Pd con il 19,4, terzo il Movimento 5 Stelle al 9,7 %. A seguire Forza Italia al 7,7 tallonata da Fratelli d’Italia al 6,6. +Europa al 4,5 %.

COME SI VOTA – E’ necessario presentarsi al seggio con un documento di identità valido e la tessera elettorale. Chi non ha la tessera o l’ha smarrita può richiederla all’ufficio elettorale del comune di residenza.

Per quanto attiene la modalità di voto, ciascun elettore può:

– votare a favore solo di una lista tracciando un segno sul contrassegno; in tale caso il voto si intende espresso anche a favore del candidato presidente della Giunta regionale a essa collegato;

– votare solo per un candidato alla carica di presidente della Giunta regionale tracciando un segno sul relativo rettangolo;

– votare per un candidato alla carica di presidente della Giunta regionale, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle liste a esso collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste;

– votare disgiuntamente per un candidato alla carica di presidente della Giunta regionale, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle altre liste a esso non collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste.

L’elettore può esprimere nelle apposite righe della scheda, uno o due voti di preferenza per un candidato a consigliere regionale, scrivendo il cognome (o il cognome e nome) del candidato o dei due candidati compresi nella stessa lista. Nel caso di espressione di due preferenze, esse devono riguardare candidati di sesso diverso della stessa lista, pena l’annullamento della seconda preferenza.

Gli elettori – Sono chiamati alle urne oltre 3,5 milioni di elettori: più esattamente, secondo la rilevazione del Ministero dell’Interno a 15 giorni dal voto, gli aventi diritto al voto sono 3.508.332. Di essi, 1.704.295 sono uomini e 1.804.037 donne. Sono 4.520 le sezioni in cui sarà possibile votare.

GLI ELETTORI NEL PIACENTINO

I simboli – Sono stati presentati 17 simboli, ma non tutti sono presenti nelle 9 circoscrizioni: Giovani per l’ambiente non c’è a Reggio Emilia; Popolo della Famiglia non si presenta a Bologna, Ferrara, Piacenza; Movimento 3V manca a Reggio Emilia; il Partito Comunista non c’è a Ferrara, Piacenza, Ravenna; Potere al Popolo! non si presenta a Ferrara, Piacenza, Reggio-Emilia e Rimini. Ricordiamo che in ogni caso è possibile votare il candidato presidente, che sarà sempre presente sulla scheda elettorale, anche se la lista a sostegno non è stata presentata.

LA SCHEDA CHE TROVERANNO GLI ELETTORI PIACENTINI

I candidati presidente – Sette i candidati alla presenza (in ordine di apparizione sulla scheda elettorale)

– MARTA COLLOT, nata a Vittorio Veneto (Tv) il 7/7/1993 – Nessuna lista a sostegno nel piacentino

– LUCIA BORGONZONI, nata a Bologna il 18/9/1976 – Liste a sostegno: Forza Italia, Giovani per l’Ambiente, Lega, Fratelli d’Italia, lista civica Borgonzoni Presidente

SIMONE BENINI, nato a Cesenatico (Fc) il 2/11/1970 – Liste a sostegno: Movimento 5 Stelle

LAURA BERGAMINI, nata a Parma il 14/5/1960 – Nessuna lista a sostegno nel piacentino

STEFANO BONACCINI, nato a Modena l’1/1/1967 – Liste a sostegno: Volt Emilia Romagna, Europa Verde, Pd, lista civica Bonaccini Presidente, + Europa, Emilia Romagna Coraggiosa)

DOMENICO BATTAGLIA, nato a Palermo il 10/7/1973 – Liste a sostegno: 3V-Vaccini Vogliamo Verità)

STEFANO LUGLI, nato a San Giovanni in Persiceto (Bo) l’11/10/1974 – Liste a sostegno: L’Altra Emilia Romagna

Tutti i candidati nelle 9 circoscrizioni elettorali dell’Emilia-Romagna – Sono disponibili on line, sul sito dedicato alle elezioni regionali 2020 (www.regione.emilia-romagna.it/elezioni), realizzato in collaborazione tra Giunta e Assemblea legislativa della Regione, le liste con tutti i nominativi dei candidati per ciascuna delle 9 circoscrizioni dell’Emilia-Romagna.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.