Scagnelli “Contributo di libertà per aiutare le vittime di violenza nella fase di reinserimento” 

Nota stampa

Nell’ambito delle politiche di sostegno rivolte alle vittime di violenza maschile e ai loro figli minori, la candidata del PD Benedetta Scagnelli propone un contributo di libertà, per aiutare le donne nel fronteggiare le difficoltà connesse a questa situazione e incentivare il raggiungimento di una piena autonomia abitativa, economica e personale.

Dopo aver trovato il coraggio di denunciare e dopo la prima accoglienza nelle ottime strutture già presenti in regione, quando può dirsi conclusa la fase più acuta di emergenza, per le vittime di violenza si apre quindi un capitolo altrettanto complesso, quello del reinserimento. Dopo i maltrattamenti subiti, molte donne si trovano costrette a ripartire da zero. Perciò è fondamentale continuare a sostenerle anche dopo il primo percorso nei centri dedicati, per evitare che, a causa dei problemi economici, siano forzate a ritornare da quegli stessi uomini dai quali hanno subito violenza. Il contributo di libertà serve a dar loro il tempo per ricostruire la propria vita, sia da un punto di vista psicologico che lavorativo.

Benedetta Scagnelli ha già pronta una bozza di legge regionale e, qualora non dovesse essere eletta, la consegnerà ai candidati che entreranno in consiglio regionale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.