Tra “Penny Red” e banconote souvenir, a Pc Expo arriva Pantheon foto

Tra rari giocattoli vintage, set Lego fuori produzione e trenini in metallo spiccano stand dedicati a vecchie cartoline, francobolli e monete, Pantheon è il paradiso degli appassionati di collezionismo.

A Piacenza Expo, nel weekend, è possibile ammirare oggetti unici e introvabili, come i tre francobolli “Penny Red” esposti presso lo stand di Marino Saja, collezionista milanese che vanta una raccolta di oltre un milione di prodotti filatelici provenienti da tutto il mondo. Nello specifico, l’inglese “Penny Rosso” vanta di essere il secondo francobollo ufficiale ad essere stato utilizzato al mondo; venne preceduto dal “Penny Black”, il primo francobollo in assoluto ad essere stampato. Il “Penny Red” vide la luce nel 1841 e continuò ad essere stampato sino al 1879 con piccole varianti durante gli anni. Il colore venne cambiato da nero a rosso in quanto era difficoltoso vedere gli annulli filatelici sul suo predecessore, il Penny Black”, e l’inchiostro utilizzato passò così dalle tinte nere a quelle rossicce.

In un altro stand Angelo Fantoni, concessionario ufficiale in esclusiva, espone delle banconote zero euro souvenir. Si tratta di banconote create a partire dal 2015 da Richard Faille in collaborazione con le più grandi Zecche del mondo. Hanno tutte le caratteristiche di una banconota classica, in particolare hanno la filigrana, una protezione olografica, segni tattili, e reagiscono visibilmente con la luce ultravioletta. Inoltre vengono stampate in tiratura limitata e ciascuna riporta un numero seriale unico. La differenza sostanziale è che si tratta di moneta non circolante e non spendibile, un souvenir da collezione.

Ne esiste una moltitudine che riproduce città italiane (Brescia, Roma, Vaticano, Verona, Repubblica di San Marino, Bologna, Firenze, Pisa, Urbino e tantissime altre), così come i monumenti più rappresentativi dell’Italia nel mondo (Fontana di Trevi, Ponte Vecchio, Mole Antoneliana, Colosseo, Pompei, Palazzo Ducale di Venezia, Ponte di Rialto a Venezia, i trulli di Alberello e tanti altri) oppure personaggi storici italiani e pontefici.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.