Ultimi due giorni per visitare la mostra dedicata a Giacomo Bertucci

Ultimi due giorni – sabato 18 e domenica 19 gennaio – a disposizione per visitare la mostra “Giacomo Bertucci tra Ghittoni e de Pisis” allestita a Palazzo Galli dalla Banca di Piacenza. Rispetto all’orario canonico (10-12.30 / 16-19), oggi, sabato, l’apertura è prolungata sino alle 22. Domani, domenica, confermate le visite guidate alle 11 e alle 16.30.

Si sono nel frattempo concluse le manifestazioni collaterali alla mostra con gli ultimi due appuntamenti. Un gruppo di Soci e Clienti della Banca si è recato al Museo del Novecento a Milano – accompagnato da una guida messa a disposizione dall’Istituto di credito – per visitare l’importante mostra dedicata a Filippo de Pisis (che ha avuto influenza sul secondo periodo dell’attività artistica di Bertucci, caratterizzata dal tema dei fiori, con tecnica stenografica), in corso fino a marzo. Tra le 100 opere esposte, anche Vaso di fiori con pipa, donata dall’artista, per interessamento del conte Pallastrelli, alla Galleria Ricci Oddi nel dicembre del 1937. E proprio delle opere di Giacomo Bertucci presenti nelle collezioni di musei e istituzioni ha trattato Laura Bonfanti nell’incontro che si è tenuto in Sala Panini, a Palazzo Galli, appunto a chiusura delle manifestazioni collaterali.

La relatrice ha ricordato come il pittore piacentino lo si ritrovi nelle più rinomate collezioni museali del Piacentino (Ricci Oddi, Istituto Gazzola, Galleria Alberoni), in alcuni prestigiosi musei nazionali (Museo d’arte della città di Ravenna, Museo d’arte di Gallarate) e nella maggiori istituzioni della nostra città (Banca di Piacenza, prima per numero di opere possedute, 17, Amministrazione provinciale, Crédit Agricole). Una presenza che testimonia – ha sottolineato Bonfanti – come si possa considerare Giacomo Bertucci “una figura di riferimento nel panorama artistico del XX secolo”, che la mostra della Banca di Piacenza ha contribuito senz’altro a valorizzare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.