Una tradizione che si rinnova, festa a S. Antonio con il grande corteo degli animali VIDEO foto

Si rinnova a Sant’Antonio (Piacenza) la tradizione molto viva e sentita del corteo con la benedizione degli animali, momento principale della festa patronale.

Un appuntamento al quale, anche quest’anno, in tanti non hanno voluto mancare, partecipando domenica al corteo, aperto dalle note della banda Ponchielli, lungo le vie della frazione cittadina. Il grande corteo recupera in forme moderne una tradizione secolare di festa di ringraziamento per i raccolti dei campi dell’anno appena finito e di augurio per i quelli del prossimo, tradizione dalla quale ha avuto probabilmente origine il prodotto più tipico di questa festa e cioè “Sua Maestà” al Turtlitt.

Il percorso si è concluso con la benedizione nel giardino di fianco alla chiesa, preceduta dalla riflessione laica del vice sindaco Elena Baio: “Gli animali sono amici fedeli, ma l’amore che proviamo per loro non deve far venire meno rispetto delle regole e educazione – le sue parole -. Voglio poi approfittare della giornata di oggi per ringraziare gli operatori di canile e gattile, dove tanti cuccioli sono in attesa di adozione”.

La ricorrenza di Sant’Antonio è anche l’occasione per gustare i prelibati turtlitt, dolci della nostra tradizione. Quelli preparati dalla parrocchia – circa 15 mila – sono letteralmente andati a ruba.

La benedizione degli animali a Sant’Antonio

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.