Quantcast

Accademia della Cucina Piacentina, serata finale del corso tra sapori della tradizione e solidarietà

Più informazioni su

La sede dell’Accademia della Cucina Piacentina, addobbata per le grandi occasioni, nei giorni scorsi ha ospitato la cena di fine corso organizzata dagli allievi del 37° corso di cucina di primo livello, condotto dai cuochi gentleman dell’accademia.

Come da tradizione dell’associazione, anche quest’anno l’Accademia ha organizzato il suo storico corso di cucina, dedicato ad alcuni piatti individuati tra quelli della cucina della nostra provincia ma anche di altre tradizioni regionali, e non solo. Si è quindi concluso il classico percorso di dieci lezioni, che la ventina di frequentatori di tutte le età e livelli d’esperienza in cucina ha affrontato nelle scorse settimane con entusiasmo e passione, sotto la guida attenta e competente del corpo insegnanti composto dai migliori cuochi gentleman dell’Accademia.

Come di consuetudine, il corso si è concluso con un momento conviviale per cucinare, assaggiare e salutare tutti i corsisti che si sono impegnati con attenzione, ma anche entusiasmo, ai fornelli. Ecco quindi l’occasione per la cena di fine corso nella storica sede dell’Accademia della Cucina Piacentina di via Gaspare Landi, durante la quale gli studenti hanno proposto un menù con presentazioni scelte tra quelle oggetto di lezione durante il corso, che si è aperto con un delicato sformatino bicolore di zucca e spinaci su salsa al Taleggio, i classici panzerotti alla piacentina seguiti dalla tradizionalissima “piccula ad caval”, accompagnata da un fumante purè di patate, per concludersi con un trionfo di tiramisù servito con il nostro dolce più tipico, il buslan con lo zabaglione caldo.

Un’armoniosa e gradevolissima serata conviviale, durante la quale i frequentatori hanno saputo interpretare in pieno la vera anima dell’Accademia, sia dal punto di vista dell’ideazione che della realizzazione del menù, ma soprattutto rivolgendo un pensiero concreto al prossimo. Durante la cena di commiato è stata infatti raccolta una somma di denaro devoluta all’Associazione onlus “Naso a Naso” di Godiasco-Salice Terme (PV), organizzazione no profit che dona aiuto, sostegno, o semplicemente un sorriso, a tutte le persone in sofferenza ed in difficoltà che si trovano nei reparti dell’Ospedale di Voghera e di Varzi ed anche in pediatria dell’Ospedale Policlinico San Matteo di Pavia. In sala, quale rappresentante dei “naso a naso”, Mauro Banin che ha reso un beve ma significativo saluto ai convenuti, sottolineando la gratitudine dell’associazione all’Accademia per il contributo offerto.

Il Presidente dell’Accademia della Cucina Piacentina,Mauro Sangermani, nel ringraziare i frequentatori per la loro impeccabile interpretazione di quanto appreso durante il corso, ha quindi suggellato la serata di commiato, invitandoli a proseguire nella loro attività di soci dell’Accademia e ricordando che il prossimo 12 febbraio alle ore 19 si terrà l’incontro informativo di presentazione del 38° Corso di Cucina, vera storica fucina di “cuochi gentlemen” – e “gentlewoman” – che, sotto la sapiente guida degli insegnanti storici, saranno pronti a destreggiarsi tra anolini, piccula e tortelli con la coda.

L’Accademia è presente anche sui social: al sito internet www.accademiacucinapiacentina.com, su Facebook con la pagina dedicata e, da pochi giorni, anche su Instragram raggiungibile con l’hastag #accademiacucinapiacentina

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.