Ausl, sospese per una settimana tutte le prestazioni chirurgiche e ambulatoriali

Dalla mattina di domenica 23 febbraio l’Azienda Usl di Piacenza ha valutato circa 300 professionisti sanitari per stabilire una gradualità di rischio rispetto a coloro che sono venuti in contatto con i pazienti risultati positivi o che hanno avuto esposizione al coronavirus. Alcuni sono stati sottoposti al tampone.

Tutti quelli che sono stati ritenuti idonei e senza sintomi sono stati reimmessi in servizio. Per gli altri sono scattate misure cautelative di isolamento domiciliare fiduciario, così come previsto dalle misure del Ministero della Salute.

Sono sospese per una settimana – fa sapere l’Ausl – indipendentemente della provenienza geografica della persona, sull’intero territorio della Provincia:

– tutte le prestazioni programmate, chirurgiche e ambulatoriali, salvo quelle ritenute non differibili

– le attività di libera professione in ospedale e sul territorio

– le attività di screening

– gli interventi chirurgici programmati non urgenti e rinviabili. Ognuno dei pazienti interessati sarà avvertito dagli uffici. Rimangono confermate le prestazioni e gli interventi considerati urgenti, e quelli che non possono essere rimandate.

– le vaccinazioni in età pediatrica, adolescenza e adulti

– i prelievi di sangue e le prestazioni diagnostiche, salvo quelle valutate non differibili dal medico di famiglia

– le attività degli ambulatori della cronicità nelle Case della Salute

– l’attività dell’Ufficio patenti

– le prenotazioni agli sportelli unici dell’Azienda Usl sul territorio, salvo quelle urgenti e indifferibili.

NON SONO SOSPESE:
– le medicazioni post chirurgiche, le visite di controllo e le prestazioni post dimissione

– visite e controlli calendarizzati per le donne in stato di gravidanza, sia in ospedale, sia nei consultori

– la distribuzione diretta dei farmaci negli ospedali e negli ambulatori dedicati specialistici

– i controlli dei pazienti con anticoagulanti della vitamina K (con misurazione dell’INR)

– i controlli per i pazienti insulinodipendenti

– visite e terapie oncologiche

– le cure palliative

– le attività degli ambulatori della Psichiatria, della Neuropsichiatria infantile e del Sert, ma solo per l’erogazione di terapie e interventi urgenti, per i quali è richiesto un contatto telefonico

– le attività di vigilanza della Sanità pubblica

– le donazioni di sangue

All’ospedale di Piacenza sarà allestito un Presidio medico avanzato (PMA) esterno al Pronto soccorso dove tutti le persone verranno sottoposte a triage e poi smistate all’interno dei servizi ospedalieri. Sempre nel presidio cittadino, sarà inoltre creata un’area con stanze singole per pazienti sintomatici in attesa del tampone.

CLINICHE PIACENZA E S. ANTONINO: CHIUSE LE VISITE, la nota ufficiale – Le cliniche Piacenza e Sant’Antonino per volontà del proprietario e direttore sanitario il professor Mario Sanna e del direttore sanitario della Sant’Antonino Giuseppe Civardi e della dirigente assistenziale Nawal Loubadi hanno chiuso le visite, a partire da lunedì, a tutti i parenti dei ricoverati in via precauzionale per tutelare la salute dei pazienti. Sono garantite le visite specialistiche e gli esami di diagnostica ad eccezione di tutti i residenti della Lombardia: per loro tutto annullato. Resterà aperto un solo l’ingresso principale di Via Morigi 41, presidiato dagli operatori che daranno le informazioni necessarie e controlleranno la provenienza di chi deve effettuare gli esami. Chiuso anche il bar della clinica Piacenza. Limitazioni di accesso anche alla camera mortuaria.

Tutti i provvedimenti presi resteranno in vigore per una settimana tenendo poi conto dell’evolversi della situazione. I primari dei reparti fisseranno appuntamenti telefonici con i parenti dei casi più critici per informarli costantemente sulle condizioni dei loro cari e in casi eccezionali valuteranno se consentire una visita assumendo tutte le precauzioni del caso nel pieno interesse delle persone ricoverate soprattutto quelle più deboli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.