Coronavirus, le informazioni, i numeri da chiamare, i comportamenti a cui attenersi

Più informazioni su

Coronavirus, le informazioni, i numeri da chiamare, i comportamenti a cui attenersi.

Da questa mattina è attivo il numero verde regionale 800.033.033 per ricevere informazioni, per i piacentini il numero 0523.317979. La linea spesso in questi giorni risulta inattiva o inesistente per le decine di chiamate in coda. Il numero del Ministero della Salute è invece il 1500.

Attenti alle truffe: nessun operatore si reca a domicilio per visite e test.

Solo se avete sintomi, come febbre e problemi respiratori, evitate di raggiungere il Pronto Soccorso, ma telefonare prima al medico di medicina generale e al 118.

Lo stesso vale per i bambini: la Federazione medica pediatri raccomanda ai genitori di non portare i bambini nello studio del proprio pediatria di famiglia o al pronto soccorso per comuni sintomi respiratori come tosse, raffreddore e febbre, e di telefonare prima al medico per ricevere consigli e indicazioni.

E’ necessario limitare il contatto tra malati e sani, di seguito ecco il decalogo diffuso dal ministero della salute:

1 Evita il contatto ravvicinato con persone 2 che soffrono di infezioni respiratorie acute
3 Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani
4 Copri bocca e naso se starnutisci o tossisci
5 pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol
6 Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico
7 Contatta il numero verde 1500 se hai febbre o tosse e sei tornato dalla Cina da meno di 14 giorni
8 Usa la mascherina solo se sospetti di essere malato o assisti persone malate
9 I prodotti MADE IN CHINA e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi
10 Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo coronavirus

L’Ausl di Piacenza informa che tutte le persone che dal 1 febbraio sono transitate e hanno sostato nei comuni di Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione d’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano , Somaglia, Terranova dei Passerini e Vò (Vicenza), devono contattare il Servizio di Igiene pubblica dell’Azienda Usl di Piacenza inviando una mail a comunicazione-transito@ausl.pc.it

Al momento restano in vigore un’ampia serie di provvedimenti – in continuo aggiornamento – mirate a contenere il contagio anche a Piacenza, che non rientra nella zona “rossa”, ma può definirsi in allerta “gialla”.

Le scuole e le università restano chiuse fino al primo marzo, termine fissato per il momento anche per la sospensione dei mercati settimanali, coprifuoco per i bar ecc… Fermo anche il mondo dello sport.

Lo stesso vale per le celebrazioni religiose: riti in forma privata per i funerali e mercoledì delle ceneri.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.