Quantcast

Fai, visita alla Ricci Oddi con l’artista William Xerra

Il Fai – Delegazione di Piacenza organizza per sabato 29 febbraio una visita alla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi, accompagnati dall’artista William Xerra.

Fin dal 1913 Giuseppe Ricci Oddi ricerca un edificio adatto a contenere la sua collezione d’opere d’arte moderna in cui si annoverano artisti del calibro di Pellizza da Volpedo, Previati, Segantini, Bocchi, Boldini, Medardo Rosso, Klimt e tanti altri, ma le numerose trattative intraprese per l’acquisto di vari stabili falliscono una dopo l’altra. Infine decide di far costruire a sue spese una galleria sull’area dell’ex convento di S. Siro, terreno fornitogli gratuitamente dal Comune di Piacenza; ad occuparsi, a titolo gratuito, del progetto è il noto architetto Giulio Ulisse Arata. La Galleria Ricci Oddi costituisce un esempio ragguardevole, e pressoché unico in Italia, di architettura museale in cui il nitore geometrico delle varie sale, di sapore metafisico, convive con la complessità strutturale e con le innovative scelte funzionali, come quella dell’illuminazione naturale zenitale, fortemente caldeggiata dallo stesso fondatore.

Un’occasione da non perdere per scoprire e riscoprire la Galleria piacentina presso la quale è stato di recente ritrovato il preziosissimo “Ritratto di signora” di Klimt, scomparso da più di vent’anni e la cui storia rimane avvolta dal mistero.

INFO Ritrovo alle ore 15:30 presso l’ingresso della Galleria (via San Siro, 13). Iniziativa riservata agli iscritti FAI, o a chi si iscriverà per l’occasione, a contributo minimo di 10 €. Possibilità di iscriversi al FAI in loco. I giovani dai 18 ai 35 anni potranno iscriversi al FAI alla quota di benvenuto di 15 €, con possibilità di rinnovo alla stessa quota. Posti limitati, prenotazione obbligatoria entro il 26 febbraio scrivendo a piacenza@delegazionefai.fondoambiente.it o lasciando il proprio nominativo presso i punti FAI di Piacenza, si prega di indicare il proprio numero di tessera FAI al momento della prenotazione. 

Il programma completo degli eventi Fai a Piacenza (febbraio – luglio 2020) è scaricabile QUI

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.