Quantcast

Frecciarossa deraglia a Lodi, due morti. De Micheli “Supporto alla Procura, no a ricostruzioni inidonee”

Frecciarossa deraglia a Lodi, sulla linea dell’alta velocità tra Piacenza e Milano.

Pesante il bilancio del tragico incidente: morti i due macchinisti, trentuno i feriti, fortunatamente in modo non grave. Solo quattro si trovavano nelle prime carrozze del convoglio. Il fatto è accaduto alle 5 e 35 a Ospedaletto Lodigiano, due i vagoni usciti dalle rotaie, in testa al convoglio. Sulla base dei primi accertamenti l’incidente è avvenuto in un punto dove erano appena stati effettuati lavori di manutenzione.

Secondo quanto si apprende, l’intervento – affidato ad una ditta specializzata da Rfi – era in corso anche nelle ultime ore, proprio nel punto in cui è sviato il treno. Gli investigatori stanno ora verificando se vi sia una connessione tra l’incidente e i lavori stessi.

Treno deragliato

Tra le ipotesi al vaglio anche un problema a uno scambio: secondo quanto riporta l’Ansa, infatti, lo ‘sviamento’ del treno sarebbe avvenuto in corrispondenza di uno scambio, dove proprio la scorsa notte, o nella tarda serata di ieri, sarebbe stato sostituito un ‘deviatoio’, ovvero un pezzo dello scambio stesso. Dopo essere deragliato il Frecciarossa avrebbe travolto due carrelli della manutenzione che si trovavano davanti a una palazzina. Appena possibile saranno anche acquisite le immagini delle telecamere di sicurezza della palazzina.

Il ministro dei Trasporti, Paola De Micheli, si è recata sul luogo della tragedia. “Inviterei tutti a non lasciare spazio a fantasie o a ricostruzioni inidonee in attesa del lavoro che sta svolgendo la Procura di Lodi – ha detto il ministro ai giornalisti -. Alla procura il ministero garantirà ogni supporto, questo verrà garantito anche dalle strutture di Ferrovie dello Stato e di Rete ferroviaria italiana che sono tutte qui sul posto per analizzare le ragione di questo incidente. Continuerò a prendere il Frecciarossa, il treno, già domani con mio figlio”.

Sul posto la rete dei soccorsi: vigili del fuoco, 118, richiesto l’intervento anche degli operatori da Piacenza. Presenti i vigili del fuoco del comando provinciale e diversi mezzi della Croce Rossa piacentina.

NEL VIDEO DEI VIGILI DEL FUOCO LA SCENA DELL’INCIDENTE

“A fronte dell’allerta pervenuta dal Coordinatore del 118, il Coordinatore di Anpas Provincia di Piacenza si è attivato, insieme a varie Pubbliche Assistenze, e ci sono varie squadre pronte a intervenire nei soccorsi relativi al deragliamento ferroviario avvenuto in Provincia di Lodi” fa sapere il coordinatore Paolo Rebecchi. Relativamente all’incidente ferroviario che ha coinvolto un treno ad alta velocità nel Lodigiano, l’Azienda Usl di Piacenza ha messo a disposizione del sistema di emergenza urgenza della Lombardia i propri mezzi di soccorso e ha allertato Anpas e Croce Rossa.

Incidente a Lodi

SETTE FERITI NEGLI OSPEDALI PIACENTINI – Sono stati dimessi i sette i feriti dell’incidente ferroviario del Lodigiano presi in carico dagli ospedali di Piacenza e di Castel San Giovanni. Tutte di sesso maschile, le persone visitate dai nostri professionisti hanno riportato soltanto traumi molto lievi che, dopo i necessari accertamenti radiologici, non hanno richiesto un ricovero o un’ulteriore permanenza in ospedale.

Mentre erano in Pronto soccorso, l’Azienda Usl di Piacenza ha messo a disposizione dei feriti un servizio di supporto psicologico. Diversi di loro, infatti, erano in evidente stato di shock.

Sono intervenuti tre membri dell’equipe Psicosociale emergenza, di cui fanno parte sette psicologi coordinati da Paola Frattola.

Incidente ferroviario

RITARDI – I treni regionali fra Milano e Piacenza – sulla linea convenzionale Milano – Bologna – potranno subire rallentamenti o modifiche di percorso per lo svio del treno alta velocità 9595 Milano-Salerno nei pressi della stazione di Livraga (Lodi). I treni alta velocità utilizzano la linea convenzionale fra Milano e Piacenza con ritardi fino a 60 minuti, fa sapere Trenitalia.

SU FACEBOOK INTERVENGONO I PENDOLARI PIACENTINI

“Il Gruppo FS Italiane e tutti i ferrovieri esprimono profondo cordoglio per il decesso dei due colleghi macchinisti del treno alta velocità 9595 Milano – Salerno – scrive Trenitalia in una nota ufficiale -. Il Gruppo FS Italiane è vicino ai familiari dei colleghi offrendo il massimo supporto a loro e a tutte le persone coinvolte nell’incidente di stamattina.

Intanto iniziano ad emergere alcuni dettagli. A quanto si è saputo, c’erano dei lavori di manutenzione in corso sulla linea Alta Velocità nel lodigiano dove è deragliato il treno Frecciarossa”. L’intervento – affidato ad una ditta specializzata da Rfi – era in corso anche nelle ultime ore, proprio nel punto in cui è sviato il treno. Gli investigatori stanno ora verificando se vi sia una connessione tra l’incidente e i lavori stessi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.