Quantcast

Identità rubata a un piacentino per comprare uno smartphone da 1400 euro: arrestato

Più informazioni su

Ha provato ad acquistare uno smartphone da 1400 euro presentando dei finti documenti intestati a un ignaro piacentino ed è finito in manette.

Il fatto è accaduto a Pescara: è stato il titolare del negozio dove l’uomo – identificato per un 56enne pescarese pluripregiudicato – intendeva acquistare il cellulare con un finanziamento ad avanzare sospetti circa l’autenticità dei documenti presentati: ne è nata così lite che ha richiesto l’intervento dei poliziotti della Squadra Volante.  Gli accertamenti – riferiscono dalla questura di Pescara – hanno permesso di scoprire che il 56enne era in possesso di una carta d’identità valida per l’espatrio, contraffatta, recante le generalità di una persona diversa, originaria di Piacenza. Quest’ultima, contattata dagli operatori di polizia, ha raccontato che alcuni giorni prima aveva inviato la foto dei propri documenti ad un uomo, poi resosi irreperibile, per un acquisto online.

Il 56enne, perquisito, è stato trovato in possesso di una carta di credito contraffatta e delle copie dei documenti di identità, il tutto intestato sempre all’uomo piacentino. Arrestato in flagranza di reato, dovrà rispondere di possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi ai sensi dell’art. 497bis c.p., oltre che di tentata truffa e sostituzione di persona.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.