Il manager della Mae di Fiorenzuola non è il “paziente zero”

Più informazioni su

Il presunto “paziente zero”, il manager della ditta Mae di Fiorenzuola tornato dalla Cina e che ha cenato con il 38enne di Codogno primo contagiato, non ha mai avuto il coronavirus.

Dai test effettuati è emerso che “non ha sviluppato gli anticorpi”. Lo ha spiegato in serata il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri. L’uomo era già risultato negativo al primo test per il coronavirus.

Dunque, non è partita da lui la diffusione del virus nel lodigiano. Occorre cercare un altro “paziente zero” per comprendere la catena del contagio.

Il manager di Fiorenzuola era rientrato dalla Cina a fine gennaio e si trovava ricoverato per accertamenti: gli esami lo hanno definitivamente “scagionato”.

Ricordiamo che a scopo precauzionale tutti i lavoratori dell’azienda Mae, una settantina, sono stati sottoposti al tampone. Si attendono gli esiti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.