L’emergenza coronavirus fa rinviare Apimell e Seminat, ecco le modiche al calendario di Pc Expo

A seguito dell’evolversi della situazione riguardante l’emergenza sanitaria del Coronavirus, e in conseguenza del confronto tra tutti i presidenti e direttori delle Fiere emiliano-romagnole con l’Assessore regionale uscente alle Attività produttive, Palma Costi, e con il suo successore Vincenzo Colla, Piacenza Expo ha deciso di posticipare tutti gli eventi fieristici già programmati per il mese di marzo.

Si tratta – viene spiegato – di una forma di autotutela volontaria che mira a proteggere la salute dei visitatori, degli espositori e dei lavoratori dei singoli quartieri fieristici insistenti sul territorio regionale. “Il riposizionamento delle manifestazioni – precisano l’Amministratore Unico di Piacenza Expo, Giuseppe Cavalli, e il Direttore Sergio Copelli – risponde al rispetto delle ordinanze emesse dalle autorità territoriali competenti e al protocollo che, come realtà fieristica, abbiamo voluto adottare per garantire i maggiori standard di sicurezza per tutte le persone coinvolte nell’attività fieristica”.

In questa prima fase, Piacenza Expo ha quindi deciso di posticipare gli eventi fieristici originariamente programmati per il mese di marzo, nelle date di seguito riportate:

APIMELL – SEMINAT – BUON VIVERE 3-4-5 aprile

MOTO BIKE SHOW: 18-19 aprile

ARMI&BAGAGLI – EXPOARC: 25-26 aprile.

Si tratta ovviamente di uno spostamento suscettibile di ulteriori variazioni sulla base della comprensibile provvisorietà degli eventi in corso. Piacenza Expo, a seguito delle indicazioni diramate dal Ministero della Salute, ha inoltre adottato un protocollo interno per i dipendenti, per i rapporti con i fornitori, con gli espositori e le aziende terze. Si stanno anche attuando interventi per implementare gli standard di sicurezza igienico-sanitaria già previsti nelle normali operazioni di pulizia e di igienizzazione degli spazi espositivi.

“Stiamo affrontando questo delicato momento – aggiungono Cavalli e Copelli – con grande senso di responsabilità proprio in concomitanza con alcuni eventi fieristici di primo piano. Auspichiamo la disponibilità e la collaborazione di tutti gli attori istituzionali coinvolti al fine di garantire il pieno successo delle manifestazioni in programma, ma anche di limitare gli impatti negativi sulle ricadute economiche generate da Piacenza Expo a favore del territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.