Masterclass internazionale di piano a Vienna, protagonisti docente e studente del Nicolini

Il docente di pianoforte del Conservatorio Nicolini di Piacenza Davide Cabassi è appena rientrato da Vienna dove ha partecipato all’evento musicale Two Cubed Piano Masterclass, un nuovo format organizzato dall’International Piano Foundation Theo and Petra Lieven of Hamburg.

“È stato un ritorno alla mia giovinezza – racconta -. Appena diciottenne infatti, fui il primo italiano ad essere ammesso all’International Piano Foundation, che allora aveva sede sul lago di Como, dove studiai per cinque anni. Ora a Vienna, invece, ho vestito gli abiti del maestro ed è stata un’emozione straordinaria”.

Le innovative masterclass, che si sono svolte negli auditorium della Musikverein della capitale austriaca, hanno un duplice obiettivo didattico: porre gli studenti di pianoforte a confronto con le differenti interpretazioni di uno stesso brano (suonato da due professori) e riuscire a metterle, a propria volta, in relazione con la varietà di scopi musicali a cui possono dare vita, a seconda delle intenzioni artistiche espresse dal pianista. Il repertorio suonato dai “prof” Davide Cabassi e Alon Goldstein e dagli studenti Alexander Gadjiev e Zheyu (Crystal) Jiang, comprendeva, tra gli altri, sonate e intermezzi di Beethoven e Johannes Brahms, interludi di Debussy e il concerto per pianoforte e orchestra numero 5 in mi bemolle maggiore, opera 73 di Beethoven, nel quale il giovane allievo del Conservatorio Yevgeni Galanov ha dato prova del suo talento suonando la parte orchestrale.

“Ho deciso di portare Galanov con me perché questo genere di eventi forma il carattere e arricchisce l’esperienza dei giovani musicisti – aggiunge Cabassi -; si tratta di uno step importante per il mio studente, alunno di una classe splendida a cui ho il piacere di insegnare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.