Quantcast

“Nel 2019 individuate 401 auto senza revisione e 156 senza assicurazione”

Oltre mille sanzioni elevate, con 401 vetture scoperte a circolare senza revisione e 156 senza assicurazione.

Sono alcuni dei numeri dell’attività condotta nel corso del 2019 dalla polizia municipale dell’Unione Bassa Val D’Arda fiume Po. “Un corpo – spiega il il presidente dell’Unione, Gabriele Girometta – sottodimensionato di 8 operatori rispetto ai 23 previsti in base al numero degli abitanti: confidiamo che arrivi un agente in più, con il concorso della Regione che dà possibilità agli enti locali di partecipare. Un investimento di tre veicoli nuovi, 40 mila euro nel 2019 e 20 mila euro con finanziamento 2018, e una sede operativa in via Rubini a Cortemaggiore con finanziamenti messi a disposizione da Regione e Comune”.

Ad illustrare i dati che sintetizzano il lavoro svolto è il comandante Massimo Misseri:”Nel 2019 sono stati 211 mila i km quadrati di territorio e 23441 gli abitanti censiti, con quasi 12 mila ore di servizio. 80.300 i km percorsi e 5300 le persone controllate nell’arco dell’anno: oltre alla presenza in occasione di eventi sportivi e fieristici, sono stati svolti 200 sopralluoghi. I servizi di polizia giudiziaria sono stati 15, con molti interventi in supporto ad altre forze dell’ordine. Gli interventi di caso di incidenti – nessuno mortale – sono stati 57 sul territorio”.

“Gran parte dei sinistri sulla Strada Provinciale 10 e la Strada Provinciale 587 – evidenzia il comandante – sono dovuti al mix della sezione strada stretta, velocità e sorpassi azzardati. Quest’anno, fortunatamente, non abbiamo dati significativi di guidatori sanzionati per guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Complessivamente sono stati decurtati 961 punti, con 9 patenti e 4 carte di circolazione ritirate, oltre a 401 veicoli trovati senza revisione e 156 senza copertura assicurativa, di cui 4 confiscati per non aver saldato il premio assicurativo”.

Complessivamente sono state 1094 le sanzioni elevate, per un importo complessivo di oltre 114mila euro, di cui 92 mila euro già riscossi. “I controlli sui pubblici esercizi non hanno rilevato criticità particolari – continua il comandante Misseri -, sono stati 15 i sopralluoghi per spandimento che poi hanno dato esito negativo in quanto autorizzati. Per quanto riguarda l’investimento sul fronte del personale, sono state fatte 110 ore di formazione sia per uso e maneggio armi, tecniche di polizia, nbcr e protezione civile e due agenti sono andati a Prato per una giornata sulla formazione sul falso documentale. Intensa anche l’attività di prevenzione e promozione della sicurezza, con un corso di educazione stradale svolto nelle scuole medie ed elementari”.

“Per il 2020 – conclude – confidiamo in un continuum dell’Unione e stiamo raccogliendo i fondi per un mezzo furgonato per la rilevazione di incidenti e attrezzato per posti di controllo e attività di protezione civile”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.