Palestre ex laboratorio Pontieri “Lavori finiti entro maggio, pronte per il prossimo anno scolastico” foto

Palestre ex laboratorio Pontieri, il cantiere chiuderà entro la fine di maggio e saranno utilizzabili a partire dal prossimo anno scolastico.

E’ stato annunciato durante il sopralluogo dell’amministrazione provinciale di Piacenza, rappresentata dal presidente Patrizia Barbieri e dal consigliere con delega ai lavori pubblici Sergio Bursi. L’intervento è stato infatti finanziato dalla Provincia di Piacenza con 4 milioni di euro, un’operazione necessaria per dare risposta alle esigenze di spazi sportivi fruibili dagli studenti piacentini. Per realizzare i nuovi spazi è stata necessaria la demolizione di edifici militari preesistenti e al termine dei lavori saranno pronte all’utilizzo due nuove palestre – di 1000 e 600 metri quadri – collegate da un corpo centrale di servizio ospitante i doppi spogliatoi, i servizi igienici e i locali tecnici.

Come evidenziato dal tecnico della Provincia, Matteo Bocchi, le palestre – dotate di pavimento riscaldato – almeno inizialmente saranno utilizzate dagli studenti dei due vicini istituti “Gioia” e “Romagnosi”, ma l’idea è quella di rendere nel tempo il nuovo polo una vera e propria cittadella sportiva, data anche la prossimità con l'”Arena Daturi”, fruibile anche per associazioni e società sportive locali. “Questa – ha spiegato Bocchi – è una struttura omologata Coni, con spazio anche per gli spettatori, che potenzialmente può ospitare nella palestra principale partite di basket – fino alla serie C – e di pallavolo. Mentre – ha precisato – la palestra più piccola è usufruibile solo per la pallavolo. Da un punto di vista dei materiali, la struttura portante è interamente in legno, poiché in questo modo si ottiene da un lato un minor impatto a livello ambientale e, dall’altro, si va ad incidere meno a livello di peso. Necessitavamo, infatti, di una costruzione snella che non gravasse troppo sul terreno sottostante”.

Sopralluogo liceo Gioia e nuove palestre

Ancora da determinare la futura funzione di alcuni edifici dismessi – di proprietà sia di Comune che di Provincia – vicino alle due palestre, per cui bisogna tenere conto anche dei vincoli della Soprintendenza. “Bisogna ancora stabilire la destinazione d’uso – ha spiegato Bocchi -, potrebbero essere luoghi destinati sempre all’attività fisica, oppure aule polifunzionali per le scuole”.

La necessità di nuovi spazi per accogliere gli studenti piacentini, in costante crescita, è infatti una vera e propria urgenza che Provincia ed Amministrazione devono fronteggiare. “C’è un’esigenza sempre crescente di spazi, poiché il numero di ragazzi che si iscriveranno alle scuole della provincia è in aumento – ha fatto sapere il sindaco Barbieri -. Secondo alcune previsioni, abbastanza realistiche, nei prossimi 3-4 anni gli alunni potrebbero aumentare di 300-400 unità. Sto per questo lavorando alacremente con gli uffici e con il Politecnico affinché questa parte del Laboratorio Pontieri diventi un campus scolastico con spazi verdi, in modo da dare una risposta ai ragazzi e alla città. Recuperare quest’area a nord di Piacenza, con edifici compatibili alle direttive della Soprintendenza,  potrebbe costituire un’ulteriore step di un progetto che stiamo portando avanti da due anni e che si sta poco a poco concretizzando. Avere la possibilità di collegare queste strutture con Piazza Cavalli, andando a fare da cerniera con il Po, definirebbe una prospettiva di città diversa”.

LICEO GIOIA, LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE PER 700MILA EURO – Il sopralluogo conclude una mattinata dedicata all’edilizia scolastica con una visita al liceo Gioia, dove si sono da poco conclusi i lavori di sostituzione di infissi e serramenti per un importo complessivo di 700mila euro e i lavori di rifacimento e adeguamento dei servizi igienici.

In particolare sono stati sostituiti 226 serramenti di varia tipologia e dimensione, in alcuni casi realizzati su misura in considerazione della storicità dell’edificio. Si è inoltre provveduto alla coibentazione termica e acustica di 153 cassonetti in legno, alla sostituzione di 90 avvolgibili e alla sostituzione di 6 uscite di sicurezza. “L’intervento era finalizzato al contenimento dei consumi energetici, necessario a causa dell’elevatissima dispersione termica generata dai serramenti preesistenti, ormai vetusti e insicuri e, nel contempo, al miglioramento della sicurezza degli utenti – ha commentato Bocchi -. I nuovi serramenti, oltre a garantire una coibentazione decisamente superiore, hanno anche il pregio di essere resistenti agli urti e di incrementare l’isolamento acustico”.

Infissi Liceo Gioia
Sopralluogo liceo Gioia e nuove palestre

All’incontro, preceduto da un’esibizione dell’orchestra del liceo, hanno preso parte anche i presidi del Gioia, Mario Magnelli e Cristina Capra, dell’istituto Romagnosi, insieme al dirigente del servizio edilizia scolastica della Provincia, Stefano Pozzoli. Per l’occasione il primo cittadino e gli altri rappresentanti della Provincia hanno inoltre avuto modo di incontrare alcuni studenti del Gioia, con due rappresentanti di istituto, che hanno illustrato i tanti progetti orientati alla sostenibilità ambientale – con particolare riguardo alla riduzione dell’utilizzo della plastica – che si stanno promuovendo all’interno del liceo.

Sopralluogo liceo Gioia e nuove palestre

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.