Polifonia a concordu, i maestri del “quinto suono” in concerto al Nicolini

Polifonia a concordu, i cantori di Castelsardo in concerto al conservatorio Giuseppe Nicolini di Piacenza.

L’evento, a ingresso libero e gratuito, è in programma per giovedì 20 febbraio 2020, alle ore 18, nel portico e nel salone del Conservatorio, al civico numero 35 di via Santa Franca. Ospite la Confraternita Oratorio Santa Croce in Santa Maria delle Grazie di Castelsardo (Sassari), che eseguirà per il pubblico uno straordinario repertorio di canto a concordu dedicato alla Settimana Santa e opere elettroacustiche degli allievi dei corsi di musica elettronica ispirate proprio dalla tradizione di Castelsardo.

L’evento è parte di un ampio progetto di giornate di studio sulla polifonia popolare di Castelsardo intitolato Il quinto suono, a cura delle Scuole di musica elettronica e composizione del Giuseppe Nicolini di Piacenza e sviluppato con la partecipazione delle sedi di Cremona del Dipartimento di musicologia e beni culturali dell’Università di Pavia e del Sound and music computing lab del Politecnico di Milano, oltre che con il contributo del Gremio sardo Efisio Tola di Piacenza e del Circolo dei sardi di Cremona.

Il quinto suono fa riferimento al fenomeno psico-acustico battezzato nel Diciottesimo secolo dal compositore e violinista Giuseppe Tartini “terzo suono”, ovvero un effetto che si crea per differenza quando due strumenti producono determinati intervalli. La particolare fusione di armonici accade anche nella polifonia a concordu interpretata dalla Confraternita di Castelsardo. Un’esibizione unica nel suo genere, nella quale i quattro cantori muovono le voci con tecniche particolari, capaci di fondere le diverse linee melodiche; in particolari condizioni vocali e spaziali riescono a dar vita ad una quinta voce, la stessa che da tempo occupa gli interessi degli studiosi, primo fra tutti l’etnomusicologo Bernard Lortat-Jacob.

La materia sarà approfondita dagli studenti del Conservatorio di Piacenza nella giornata di lunedì 17 febbraio: al mattino lezione sulla polifonia di tradizione orale e sul canto a concordu con la professoressa Fulvia Caruso dell’Università di Pavia (dalle ore 10 alle ore 13) e a seguire lezione dedicata agli aspetti fisiologici di questa particolare modalità di canto tenuta dal foniatra Diego Cossu del Centro vocologico VoceInForma (dalle ore 15 alle ore 18).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.