“All’ufficio postale solo per validi motivi” Domani al via il pagamento delle pensioni

All’ufficio postale solo per validi motivi, non per fare operazioni di scarsa urgenza e che comunque possono essere rinviate nel tempo.

Poste centrali

E’ questo l’appello che Poste Italiane ha rivolto ai cittadini nei giorni scorsi e che viene rinnovato in vista del pagamento delle pensioni che in via del tutto eccezionale è stato scaglionato su più giorni a partire da domani, 26 marzo (vedi video in alto). Anche in alcuni uffici postali di Piacenza e provincia in questi giorni si è verificato un afflusso eccessivo di persone, molte delle quali si sono recate agli sportelli per motivi non urgenti. Diverse le segnalazioni giunte in questo senso.

Per evitare code, assembramenti e situazioni pericolose dal punto di vista del contagio del coronavirus, occorre senso di responsabilità. Nei prossimi giorni all’esterno di alcuni uffici postali in cui si attende un notevole afflusso verrà utilizzato anche personale di supporto per mantenere code disciplinate e il rispetto delle distanze di sicurezza tra i clienti. “In questa fase, ciascuno è pertanto invitato ad entrare negli uffici postali – si legge nella nota di Poste – esclusivamente per il compimento di operazioni essenziali e indifferibili, in ogni caso avendo cura, ove possibile, di indossare dispositivi di protezione personale; di entrare in ufficio solo all’uscita dei clienti precedenti; tenere la distanza di almeno un metro, sia in attesa all’esterno degli uffici che nelle sale aperte al pubblico”.

Un appello che acquista ancora più importanza in vista dell’erogazione delle pensioni che potranno essere accreditate il 26 marzo con ritiro possibile da oltre 7000 Postamat, 29 dei quali in provincia di Piacenza. “Per coloro che invece devono necessariamente recarsi negli uffici postali – viene specificato – per il ritiro in contante sarà effettuata una turnazione in ordine alfabetico. In provincia di Piacenza nei prossimi gioni viene garantita l’apertura di almeno un ufficio postale per comune.

I cognomi dalla A alla B giovedì 26 marzo
dalla C alla D venerdì 27 marzo
dalla E alla K la mattina di sabato 28 marzo
dalla L alla O lunedì 30 marzo
dalla P alla R martedì 31 marzo
dalla S alla Z mercoledì 1 aprile.

Nell’attuale emergenza sanitaria, le nuove modalità di pagamento delle pensioni hanno carattere precauzionale e sono state introdotte con l’obiettivo prioritario di garantire la tutela della salute dei lavoratori e dei clienti di Poste Italiane.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.