Quantcast

Trovati due ristoranti aperti nonostante i divieti. E c’è chi non rinuncia alla partita di calcetto

Ristoranti aperti nonostante i divieti, giovani che si ritrovano per consumare alcol e stupefacenti. E c’è perfino chi decide di giocare una partita di calcetto con gli amici.

Nonostante i continui appelli a rispettare le limitazioni per l’emergenza coronavirus sono diverse le violazioni riscontrate dai carabinieri, in campo in tutta la provincia con una serie di controlli specifici in coordinamento con le altre forze dell’ordine: “E’ emerso un generalizzato rispetto delle norme in vigore, un diffuso buon senso e un saldo spirito di comunità – evidenziano dal comando provinciale dell’Arma -, anche se sono emerse alcune ingiustificabili trasgressioni”.

Tra queste, persone al rientro da incontri conviviali fermate a Pontenure (Piacenza), alcuni giovani, provenienti da un comune limitrofo, che si sono radunati in Vigolzone per consumare bevande alcoliche ed altri che si erano riuniti a Castel San Giovanni per consumare stupefacente. I carabinieri segnalano anche la presenza, lungo le arterie stradali di Piacenza, di diverse prostitute. Sono stati poi individuate persone intente a svolgere attività di volantinaggio nei comuni di Rivergaro e Gazzola, mentre a Rottofreno alcuni giovani sono entrati in un centro sportivo, scavalcando il cancello, per giocare una partita di calcetto. Un ristorante a Pontenure ed uno in Piacenza sono stati infine sanzionati e segnalati per la sospensione dell’attività perché erano ingiustificatamente aperti con all’interno alcuni avventori.

A volte fantasiose e insostenibili le giustificazioni addotte dagli automobilisti in transito – specifica l’Arma -, che si sono appellati anche al desiderio di recarsi presso il panificio o il negozio di alimentari preferito. Tutti – viene fatto sapere – saranno segnalati all’autorità giudiziaria per violazione del Decreto anti coronavirus.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da iw4cez

    In tempo di guerra chi violava il coprifuoco finiva in galera ….
    FORSE sarebbe il caso di ripristinare alcune buone vecchie abitudini , anche perchè l’italianuzzo medio le leggi se le fa sempre a suo uso e consumo ….