Quantcast

Genio Pontieri di nuovo a fianco dei piacentini: il prezioso lavoro per l’ospedale da campo

La realizzazione dell’ospedale da campo al Polo di Mantenimento Pesante Nord di Piacenza si sta concretizzando anche grazie al prezioso lavoro dei militari del 2° Reggimento Genio Pontieri di Piacenza, che anche in questa tragica circostanza si sono adoperati per aiutare la popolazione piacentina, così come già successo in passato in caso di calamità o emergenze.

A parte la preziosa opera di bonifica degli ordigni bellici risalenti alla Seconda Guerra Mondiale, che di tanto in tanto vengono rinvenuti nei campi o a seguito di lavori edili, i militari del 2° Reggimento Genio Pontieri dopo il crollo del ponte del Po che collega la città di Piacenza all’abitato di San Rocco al Porto (Lodi) avvenuto il 30 aprile 2009, si sono messi al lavoro per assicurare un nuovo collegamento tra la sponda emiliana e quella lombarda realizzando un ponte galleggiante che è rimasto in servizio per tutto il tempo che si è reso necessario a ripristinare la campata del ponte della strada statale 9.

Impossibile non ricordare il 22 ottobre 2019, quando una grande cisterna finì in balia della corrente fiume Po: anche in quella occasione i genieri, lavorando in stretta sinergia con il dipartimento dei vigili del fuoco di Piacenza, utilizzando le imbarcazioni militari sono riusciti a trarre a riva il relitto e ad ancorarlo alla sponda.

In questo momento di grave emergenza sanitaria, a causa dell’epidemia da Coronavirus – in collaborazione con le autorità civili, la direzione sanitaria dell’Azienda Usl di Piacenza e con altri reparti dell’Esercito – una squadra di militari del 2° Reggimento Genio Pontieri di Piacenza è stata prontamente attivata per mettere a punto le infrastrutture necessarie all’installazione dell’ospedale da campo nell’area del Polo di Mantenimento Pesante Nord di Piacenza, nei pressi di via XXIV Maggio. Per due giorni una squadra di genieri ha incessantemente lavorato con ruspe, gru e schiacciasassi – nelle ore serali illuminando l’area attraverso l’installazione di torri faro – per mettere in sicurezza il percorso dedicato alle ambulanze e rendere piana la superficie sulla quale i reparti sanitari dell’Esercito Italiano stanno allestendo le tende pneumatiche e le strutture che andranno ad ospitare i pazienti.

I militari del Genio Pontieri al lavoro per l'ospedale da campo

Ancora una volta il 2° Reggimento Genio Pontieri ha dato prova di grande vicinanza e sensibilità nei confronti della popolazione piacentina, e di questo i piacentini ne sono con orgoglio nuovamente riconoscenti, così come testimonia l’imponente monumento realizzato dallo scultore e pontiere Mario Salazzari – posto a Piazzale Milano e inaugurato il 27 maggio 1928 dal re Vittorio Emanuele III con una solenne cerimonia – che celebra il Genio Pontieri e il suo prezioso operato durante la Prima Guerra Mondiale, sia in spedizioni militari che di attività di soccorso alla popolazione italiana durante le piene del fiume Po.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.