I Maestri del Lavoro donano 5mila euro all’Amop

I Maestri del Lavoro del Consolato di Piacenza al fianco del dottor Luigi Cavanna impegnato al fronte, con altri medici, nella lotta al coronavirus.

I Maestri, ha annunciato il Console Emilio Marani, hanno deciso di donare le quote associative 2020, per un totale di 5.000 euro, all’Associazione Onlus AMOP di Piacenza che supporta l’iniziativa del dottor Luigi Cavanna, direttore del Dipartimento di Oncologia-Ematologia dell’Azienda USL di Piacenza, e dei medici dell’ospedale piacentino che, da alcuni giorni, girano casa per casa con un saturimetro, un ecografo portatile, un sacchetto di farmaci, per trattare i sintomi della malattia prima che la situazione degeneri.

“Abbiamo pensato di sostenere questa importante iniziativa – spiega il Console dei Maestri del Lavoro, Emilio Marani – perché ci sentiamo molto vicini ai medici e agli infermieri che, in questi giorni, con coraggio, 12 ore al giorno, dalle 8 del mattino alle 20 di sera, sette giorni su sette, sono in prima linea nella guerra contro il virus. Siamo al fianco del dottor Cavanna che ha creato questa squadra di “pronto intervento” per raggiungere, direttamente a casa, i piacentini contagiati da Covid-19 e così individuare precocemente i casi di coronavirus e trattarli subito ed evitare che i pazienti peggiorassero e finissero ricoverati”.

“Diamo – ha concluso Marani – il nostro piccolo contributo di Maestri a questo team di medici ed infermieri che, con coraggio, vanno nelle case delle persone che accusano i primi sintomi sospetti del virus per provare ad anticipare, con le cure, con la somministrazione precoce dei farmaci antivirali che funzionano meglio quanto prima vengono assunti e così fermare questo nemico terribile ed invisibile prima che distrugga altre vite, altre famiglie piacentine”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.