Quantcast

In 15 sorpresi a pranzare al ristorante. Il questore “Non mettete in pericolo la salute di tutti”

Continuano senza sosta a Piacenza i controlli per il rispetto delle norme emanate dal Governo per arginare il contagio da Coronavirus.

Numerose nelle ultime ore sono state le denunce scattate da parte del personale della Polizia di Stato impiegato nei servizi predisposti dalla Questura. All’interno di un appartamento del centro storico gli agenti hanno sanzionato ai sensi dell’articolo 650 del codice penale cinque persone che stavano tranquillamente mangiando e bevendo alcolici.

Stessa sorte per altre 15 persone, sorprese a pranzare all’interno di un ristorante cinese: i dipendenti che avevano organizzato il momento conviviale sono stati denunciati, mentre il titolare – fa sapere la Questura – sarà immediatamente segnalato alla Prefettura per la sospensione dell’attività. Il Questore sta anche valutando l’adozione di un provvedimento ai sensi dell’art. 100 del Tulps. Sono stati infine nuovamente denunciati due giovani stranieri, trovati, nonostante fossero stati già sanzionati due giorni fa, a bivaccare all’interno di un’area verde.

Il Questore Pietro Ostuni in una nota ribadisce la “necessità assoluta di stare in casa, salvo i casi di necessità contemplati dal decreto-legge”: “Invito nuovamente gli adulti e i giovani ad astenersi da condotte che mettono in pericolo la salute dell’intera collettività. Rinunciare al divertimento oggi ci consentirà di tornare a vivere la nostra quotidianità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.