L’epidemia non ferma lo spaccio: inseguito e arrestato pusher in via Colombo

L’epidemia di coronavirus non ferma lo spaccio. Nel pomeriggio del 27 marzo i carabinieri della Stazione di Piacenza Levante hanno arrestato un 24enne, originario della Nigeria, al termine di un movimentato episodio.

I militari dell’Arma, impegnati in un servizio in città finalizzato al rispetto dell’attuale disciplina per contenere la situazione epidemiologica, hanno sorpreso in via Colombo il giovane – in Italia senza fissa dimora e con alcuni precedenti di polizia – mentre cedeva alcuni grammi di marijuana ad un 30enne di origini magrebine, segnalato nell’occasione quale assuntore di droga. Durante il controllo il 24enne ha tentato di darsi alla fuga, spintonando violentemente i militari che lo avevano fermato: è stato però inseguito e bloccato. La sostanza stupefacente è stata sequestrata e lo straniero condotto in caserma: dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, minaccia, violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

Sempre nell’ambito dei controlli effettuati per il rispetto dell’attuale disciplina sulla mobilità – fa sapere il Comando provinciale -, nei giorni scorsi sono emersi numerosi casi di tossicodipendenti sorpresi nelle zone solitamente dedicate allo spaccio: “Diversi, in provincia – viene spiegato -, anche gli episodi in cui tossicodipendenti, considerata la forzata permanenza domiciliare prevista dalla vigente normativa, hanno manifestato il loro disagio nell’ambito di liti in famiglia: è stato necessario l’intervento di una pattuglia dei carabinieri per riportare la situazione alla calma”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.