Tagliaferri (FdI) “Subito finanziamenti per centri antiviolenza e case rifugio”

“Sollecitare il governo nazionale a procedere rapidamente al riparto dei finanziamenti per i centri antiviolenza e per le case rifugio (30milioni previsti per il 2019 e ulteriori fondi per il 2020, oltre a quelli straordinari annunciati di recente dalla ministra per le Pari opportunità Elena Bonetti)”.

A chiederlo, con un’interrogazione rivolta all’esecutivo regionale, è Giancarlo Tagliaferri (Fdi). Il consigliere piacentino, citando “anche il caso riportato dai media piacentini di una donna con due bambini che dopo avere denunciato le violenze subite dal compagno non ha un luogo adeguato e sicuro dove stare”, sprona il governo regionale “a intervenire fin da subito in attesa delle risorse ministeriali”. Sullo stesso tema sollecita poi “l’attivazione di un’estesa campagna d’informazione a sostegno delle donne vittime di violenza”. E chiede, inoltre, “forme di sinergia con le forze dell’ordine, le associazioni e i sindacati”.

“In questa fase di totale emergenza”, spiega Tagliaferri, “l’isolamento sociale delle donne maltrattate pesa il doppio e può costare caro. Non a caso, dal centro antiviolenza Telefono rosa si registra un crollo delle telefonate. Al contempo – evidenzia l’esponente di Fdi – le case di accoglienza protette sono sature, mentre i centri antiviolenza e le case rifugio non hanno i mezzi per dare un aiuto concreto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.